Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123
456 78 910
11121314151617
181920212223 24
25 26 27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

PREVIDENZA

Cgil, voucher distorsivi anche sulle future pensioni

Argomento: Cgil, Previdenza

L’Inca e la Cgil hanno presentato oggi un dossier dal titolo “Voucher: ‘buoni’ solo per oscurare diritti e tutele”, a sostegno della campagna referendaria che verterà proprio su voucher e appalti. Nel dossier, oltre ad essere evidenziato l’aspetto distorsivo che hanno sul mercato del lavoro, senza nessun rispetto delle regole contrattuali e senza sanzioni, vengono evidenziate anche le scarse tutele dei voucher sul fronte pensionistico.

Nel dossier infatti sono state realizzate alcune proiezioni, basandosi sull’attuale normativa che disciplina i voucher, per far emergere la disparità che devono subire i percettori di voucher nel campo previdenziale. Su un voucher di 10 euro, sui 2,5 euro di contributi, l’Inps trattiene 50 centesimi, un aggio pari al 5%. In questo modo, denuncia il dossier, Inps e Inail possono incamerare somme di denaro, sotto forma di contributi previdenziali e assicurativi obbligatori, contro gli infortuni e la gestione del servizi, senza che al lavoratore abbia indietro una reale prestazione. Nel 2016 il numero complessivo di voucher venduti è stato di 133,8 milioni, che hanno fruttato alle casse dell’Inps 67 milioni, solo per la gestione del servizio.

Per dare un’idea concreta della situazione, nel dossier è stato paragonato il trattamento dei lavoratori pagati coi voucher, con quello degli agricoli stagionali, dei dipendenti a part time, con contratto di collaborazione e a partita Iva, scelti perché anch’essi rappresentano la precarietà e la frammentazione del mercato del lavoro.

In base alle proiezioni, se l’attuale scenario dovessi mantenersi, così come il ricorso massiccio ai voucher, tutti i lavoratori, retribuiti con questa soluzione, al termine della propria vita lavorativa percepirebbero una pensione di 208,35 euro al mese.  


28 Febbraio 2017
Powered by Adon