Uno studio del Csc denuncia che i prestiti alle imprese si sono ridotti costantemente per cinque anni consecutivi. Ma proprio la riduzione del credito costituisce uno dei freni maggiori alla crescita. Confindustria lancia l’allarme: ripresa senza credito è lenta e a rischio

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123456 7
8 9 10 111213 14
15 1617 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Confindustria lancia l’allarme: ripresa senza credito è lenta e a rischio


Correlati

L’economia italiana, sia pure lentamente, risale; il credito delle banche nei confronti delle imprese e’ invece in costante diminuzione. Ma in queste condizioni, inutile sperare in una crescita solida dell’economia, anzi: proprio questo novello credit crunch costituisce uno dei piu’ poderosi freni alla ripresa. L’allarme arriva dal Centro Studi di Confindustria, che si chiede; ‘’quanto potra’ durare questa ripresa senza credito”? La risposta e’ in uno studio firmato dai ricercatori Ciro Rapacciuolo e Massimo Rodà. Nel documento, si spiega che il lento recupero dell’economia italiana sta avvenendo nonostante continui la riduzione dei prestiti alle imprese. Ma è proprio questa diminuzione uno dei freni dell’economia, che aiuta a spiegare il divario di crescita con Francia e Germania. 

In Italia i prestiti alle imprese si sono ridotti per cinque anni consecutivi, a un ritmo medio del 3,2% all’anno nel periodo 2012-2016 (-15,3% cumulato; Grafico A). E la caduta, a inizio 2017, è proseguita. Nel 2016 sono diminuiti anche i prestiti alle imprese erogati dai primi 4 gruppi bancari italiani: -0,8% (elaborazioni CSC sui bilanci dei singoli istituti), rispetto al -2,2% dell’intero sistema bancario. È cruciale, dunque,  favorire rapidamente la ripartenza del credito alle imprese italiane. Per far ciò, si legge nel testo del documento, bisogna anzitutto trovare soluzioni, nazionali o europee, per alleviare il peso delle sofferenze nei bilanci bancari, che tiene alta l’avversione degli istituti al rischio di credito. La riunione dei ministri finanziari UE del 7-8 aprile a Malta è il luogo ideale per delineare una strategia efficace.  

(LEGGI IL DOCUMENTO INTEGRALE)


06 Aprile 2017
Powered by Adon