L’Ufficio Studi di Confcommercio, commentando i dati Istat, individua nei deficit logistici, l’eccessiva burocrazia e il carico fiscale su famiglie e imprese i principali ostacoli della ripresa Confcommercio, ancora debole la crescita al Sud

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Confcommercio, ancora debole la crescita al Sud

Argomento: Confcommercio

Le prime stime sull'andamento dell'economia nelle grandi ripartizioni geografiche testimoniano una modesta ripresa del Mezzogiorno, che nell'ultimo biennio è riuscito a crescere a ritmi lievemente superiori al resto del Paese.

E' un'indicazione positiva, ma non rassicurante, in quanto tali dinamiche sono ancora troppo deboli per permettere un apprezzabile recupero dei ritardi accumulati che, negli anni di crisi, si sono ampliati sensibilmente. Questo il commento dell'Ufficio Studi di Confcommercio ai dati diffusi oggi dall'Istat.

Ad oggi - continua la nota - il Pil pro capite del Mezzogiorno è pari al 56,6% di quello del Centro-nord.

I segnali di ripresa che si diffondono oggi nei territori - conclude l'Ufficio Studi - conclude la nota - vanno rafforzati attraverso la riduzione dei difetti strutturali che affliggono la nostra economia, a partire dai deficit logistici, dall'eccesso di burocrazia e di carico fiscale su famiglie e imprese.


22 Giugno 2017
Powered by Adon