Secondo i dati del Quarto Rapporto Welfare e Primo Rapporto Wellbeing di OD&M Consulting, i piani di welfare sono sempre più ricercati anche dal 60% delle piccole realtà. Tra gli istituti più apprezzati spiccano la sanità integrativa e la conciliazione vita-lavoro Welfare aziendale, presente nel 67% delle imprese medio-grandi

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123456 7
8910111213 14
151617 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

WELFARE

Welfare aziendale, presente nel 67% delle imprese medio-grandi

Argomento: Welfare

Circa il 43% delle azienda utilizza il premio di risultato per investirlo in piani di welfare, con una soddisfazione dei lavoratori che si attesta intorno all’84%. Sono questi alcuni dei numeri presenti nel Quarto Rapporto Welfare e Primo Rapporto Wellbeing di OD&M Consulting.

Il welfare aziendale è una realtà già presente e ben strutturata soprattutto nelle grandi e medie imprese (67,6%), mentre fra quelle che hanno intenzione di sviluppare un piano di welfare, nei prossimi due anni, le più attive sono le piccole realtà produttive, con il 60%.

Le recenti disposizione normative, contenute nelle Legge di Stabilità del 2017, hanno dato un forte impulso alla diffusione del welfare aziendale, ed è soprattutto la possibilità di convertire una parte o tutto il premio di risultato in servizi di welfare, l’opzione più apprezzata dai lavoratori, con l’80% delle preferenze.

Per quanto riguarda gli istituti più diffusi, nelle prime quattro posizione spiccano la ristorazione, l’assistenza sanitaria, la gestione del tempo e la previdenza integrativa, anche se il gradimento dei lavoratori ricade, principalmente, sulla sanità complementare e su una maggiore flessibilità nella conciliazione dei tempi di vita e lavoro.


17 Luglio 2017
Powered by Adon