Il nuovo piano industriale della banca ligure 2017-2020 prevede una cura lacrime e sangue per risanare i conti. L'organico dovrebbe scendere a quota 3.900, contro i 4.900 del 2016. Carige taglia 1.000 dipendenti e 121 filiali. Sindacati: "si accaniscono sui lavoratori''.

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3456 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 1718192021 22
23 2425262728 29

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

BANCHE

Carige taglia 1.000 dipendenti e 121 filiali. Sindacati: "si accaniscono sui lavoratori''.

Argomento: Banche, Lavoro

 

 Presentato oggi il nuovo piano industriale di Banca Carige 2017-2020, che prevede, tra l'altro, la riduzione di circa mille dipendenti e la chiusura di circa 121 filiali, di cui 58 già chiuse nel primo semestre di quest'anno e le restanti 63 da chiudere entro il 2018. E' quanto si apprende dalle slide dell'istituto fornite in occasione della presentazione del piano da parte dell'Ad Paolo Fiorentino. Nell'arco di piano si tratta di una riduzione del 20% delle risorse umane - in aumento di oltre il 100% rispetto a quelli previsti nel precedente piano di febbraio - e del 20% degli sportelli. Entro il 2020 l'organico dovrebbe scendere a quota 3.900 contro i 4.873 di fine 2016, gli sportelli passeranno invece da 576 a 455.

 

Immediata la reazione dei sindacati. Giulio Romani, segretario generale della Fit Cisl, e' quasi incredulo: "Siamo stupefatti che, nell`individuare quale elemento fondamentale di rilancio della banca la presenza di una base di clienti resiliente e fedele, ci si accanisca contro i lavoratori, ossia coloro che hanno permesso che questa fedeltà si mantenesse, rimediando ai danni reputazionali provocati dalle cattive gestioni dei vertici".

 

"Volontarietà e sostenibilità sociale devono essere i punti fermi della gestione delle ricadute occupazionali - aggiunge Romani -, mentre è chiaro che non ci sono spazi per ulteriori sacrifici retributivi in una banca che ha già un livello di costo unitario del personale al di sotto della media di sistema in virtù dello straordinario senso di responsabilità mostrato in questi anni dai lavoratori e dal sindacato".

 

"Piuttosto - conclude Romani -, osserviamo che ancora una volta ci troviamo di fronte a stantie formule basate sul taglio di dipendenti e di filiali, sulla cessione degli npl, su esternalizzazioni di professionalità e sulla mera riorganizzazione dei processi e dei modelli organizzativi, mentre poco o nulla si innova dal lato dei prodotti e dei servizi".


14 Settembre 2017
Powered by Adon