Il presidente degli industriali nega "preoccupazioni" riguardo al futuro esecutivo, ma avverte: "reddito di cittadinanza? attenzione all'impatto sul deficit, dobbiamo fare i conti col debito pubblico''. Boccia, premier e governo futuri siano responsabili

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3
45 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 2829 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

CONFINDUSTRIA

Boccia, premier e governo futuri siano responsabili


 "Ci vuole un premier e un governo responsabile e competente, che risolva le criticità del Paese, in un tempo medio chiaramente, con un atto di realismo e onesta intellettuale. Non siamo preoccupati, richiamiamo alla responsabilità. Il nostro è un grande Paese che ha potenzialità incredibili, bisogna solo accelerarle". Cosi' Vncenzo Boccia, presidente di Confindustria, a margine della presentazione della nuova sede di Sorgenia a Milano.
Boccia è poi tornato a commentare l'ipotesi di un reddito di cittadinanza contenuta nel programma del movimento 5 Stelle :"Sul reddito di cittadinanza abbiamo detto che dobbiamo stare particolarmente attenti all`impatto sul deficit del Paese. Abbiamo un debito pubblico rilevante e dobbiamo fare i conti con quella che è la questione italiana e non è la questione europea", ha detto.
"Il debito pubblico - ha proseguito - deve scendere. Dobbiamo fare cose intelligenti, dobbiamo continuare a spingere sulla crescita, ridurre il debito pubblico e fare operazioni che possano essere inclusive, a partire dal mondo del lavoro. Vediamo quale elemento impatta sul deficit, con quali risorse e come si può costruire un Paese che continui a spingere sulla crescita", ha concluso Boccia.

27 Marzo 2018
Powered by Adon