In una nota Fabrizio Cuscito, coordinatore nazionale della Filt Cgil, sostiene come le soluzioni adottate nell’ultimo decennio abbiano provocato l’uscita di 10mila lavoratori Alitalia, Filt-Cgil: basta tagli, serve un piano industriale

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123456 7
8 9 10 111213 14
15 1617 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

TRASPORTO AEREO

Alitalia, Filt-Cgil: basta tagli, serve un piano industriale

Argomento: Alitalia

"Le ricette, adottate dalle diverse gestioni negli ultimi 10 anni, di taglio del perimetro aziendale, in termini di flotta e forza lavoro si sono dimostrate fallimentari ed è ora di accantonarle". È quanto sostiene il coordinatore nazionale della Filt Cgil Fabrizio Cuscito, in merito alle affermazioni del cfo di Lufthansa sulla necessità di una ristrutturazione di Alitalia, sottolineando che "nelle tre pesanti ristrutturazioni sono già usciti circa 10 mila lavoratori ed i contratti del personale di volo e di terra sono diventati i più bassi delle medie europee".

Secondo il dirigente della Filt "la strada per uscire dal tunnel non è quella della mortificazione del lavoro ma invece quella del potenziamento dell’azienda attraverso investimenti in termini di flotta e quindi collegamenti internazionali ed intercontinentali. Da parte nostra siamo pronti a lavorare con chiunque anteponga le prospettive industriali al taglio indiscriminato del lavoro. Bene la proroga dei tempi di vendita ed ora il Governo - chiede infine Cuscito - valuti attentamente tutte le opportunità che il mercato del trasporto aereo italiano, uno dei più importanti al mondo con dati di traffico in costante aumento, offre e svolga un ruolo attivo e duraturo nella costruzione della futura Alitalia".


26 Aprile 2018
Powered by Adon