Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
234567 8
9101112131415
16 17 18 19 2021 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

UNIONE EUROPEA

Il Pilastro dei Diritti Sociali, 20 principi per i cittadini d’Europa


La Commissione Europea, in occasione della La Convention Annuale del 2018 per Crescita Inclusiva (ACIG), ha lanciato il 27 aprile scorso a Bruxelles il Pilastro Europeo dei Diritti Sociali (EPSR),  elemento significativo delle politiche sociali. L’EPSR  contiene 20 principi che  costituiscono una dichiarazione scritta e  che stabiliscono i diritti per i cittadini europei. Essi non sono giuridicamente vincolanti ma auspicabili. I principi trattano molte questioni rilevanti per i servizi sociali, incluso il sostegno ai minori, l'inclusione delle persone con disabilità, l’assistenza a lungo termine e le abitazioni.

Molti dei principi corrispondono alle competenze assegnate ai servizi sociali pubblici locali, che sono direttamente responsabili per l'attuazione di politiche e pratiche atte a sostenere i diritti delle persone, soprattutto delle più vulnerabili. Gli utenti dei servizi, The Pillar of Social Rights dunque, hanno un ruolo cruciale in questo processo e vanno consultati e sostenuti se si ha l’obbiettivo di realizzare i principi postulati dall’ EPSR e noi componenti dell’ European Social Network (ESN) come Associazione Nazionale TUTTEPERITALIA abbiamo evidenziato il ruolo fondamentale dei servizi sociali pubblici locali per l'attuazione dell’ EPSR.

Il pilastro dei diritti sociali riguarda il rilascio di nuovi e più efficaci diritti per i cittadini. Si basa su 20 principi chiave, strutturati in tre categorie:

• Pari opportunità e accesso al mercato del lavoro

• Condizioni di lavoro corrette

• Protezione sociale e inclusione

 Capitolo I: pari opportunità e accesso al mercato del lavoro-

1. Istruzione, formazione e apprendimento permanente. Tutti hanno diritto a un'istruzione, a una formazione e a una formazione permanente di qualità e inclusiva al fine di mantenere e acquisire competenze che consentano loro di partecipare pienamente alla società e di gestire con successo le transizioni nel mercato del lavoro.

2. Eguaglianza di genere. L'uguaglianza di trattamento e le opportunità tra donne e uomini devono essere garantite e promosse in tutti i campi, anche per quanto riguarda la partecipazione al mercato del lavoro, i termini e le condizioni di lavoro e la progressione di carriera.Le donne e gli uomini hanno il diritto alla parità di retribuzione per un lavoro di pari valore.

3. Pari opportunità. Indipendentemente dal sesso, dalla razza o dall'origine etnica, dalla religione o dalle convinzioni personali, dalla disabilità, dall'età o dall'orientamento sessuale, ognuno ha il diritto alla parità di trattamento e alle opportunità in materia di occupazione, protezione sociale, istruzione e accesso a beni e servizi disponibili al pubblico. Saranno promosse le pari opportunità dei gruppi sottorappresentati.

4. Supporto attivo all'occupazione. Ognuno ha diritto a un'assistenza tempestiva e su misura per migliorare l'occupazione o le prospettive di lavoro autonomo. Ciò include il diritto a ricevere supporto per la ricerca di lavoro, la formazione e la riqualificazione. Ogni individuo ha il diritto di trasferire la protezione sociale e i diritti alla formazione durante le transizioni professionali. I giovani hanno il diritto di continuare l'istruzione, l'apprendistato, il tirocinio o un'offerta di lavoro di buona reputazione entro 4 mesi dall'essere disoccupati o lasciare l'istruzione. Le persone disoccupate hanno il diritto a un supporto personalizzato, continuo e coerente. I disoccupati di lunga durata hanno diritto a una valutazione individuale approfondita al più tardi a 18 mesi di disoccupazione.

Capitolo II: condizioni di lavoro eque

5. Occupazione sicura e adattabile. Indipendentemente dal tipo e dalla durata del rapporto di lavoro, i lavoratori hanno diritto a un trattamento equo e paritario per quanto riguarda le condizioni di lavoro, l'accesso alla protezione sociale e la formazione. È incoraggiata la transizione verso forme di lavoro a tempo indeterminato. Conformemente alla legislazione e ai contratti collettivi, deve essere garantita la necessaria flessibilità per consentire ai datori di lavoro di adeguarsi rapidamente ai cambiamenti del contesto economico. Si promuovono forme di lavoro innovative che garantiscano condizioni di lavoro di qualità. L'imprenditorialità e il lavoro autonomo devono essere incoraggiati. La mobilità professionale deve essere facilitata. Devono essere prevenuti i rapporti di lavoro che portano a condizioni di lavoro precarie, anche vietando l'abuso di contratti atipici. Ogni periodo di prova dovrebbe essere di durata ragionevole.

6. Stipendi. I lavoratori hanno il diritto a salari equi che garantiscano un tenore di vita decoroso.È garantito un adeguato salario minimo, in modo tale da soddisfare le esigenze del lavoratore e della sua famiglia alla luce delle condizioni economiche e sociali nazionali, salvaguardando nel contempo l'accesso al lavoro e gli incentivi a cercare lavoro. La povertà lavorativa deve essere prevenuta. Ttti i salari devono essere stabiliti in modo trasparente e prevedibile secondo le pratiche nazionali e rispettando l'autonomia delle parti sociali.

7. Informazioni sulle condizioni di lavoro e protezione in caso di licenziamento. I lavoratori hanno il diritto di essere informati per iscritto all'inizio del rapporto di lavoro sui loro diritti e obblighi derivanti dal rapporto di lavoro, incluso il periodo di prova. ima di ogni licenziamento, i lavoratori hanno il diritto di essere informati dei motivi e ricevere un ragionevole preavviso. Hanno il diritto di accedere a una risoluzione delle controversie effettiva ed imparziale e, in caso di licenziamento ingiustificato, un diritto al risarcimento, compreso un risarcimento adeguato.

8. Dialogo sociale e coinvolgimento dei lavoratori. Le parti sociali devono essere consultate sulla progettazione e attuazione delle politiche economiche, occupazionali e sociali secondo le pratiche nazionali. Essi sono incoraggiati a negoziare e concludere accordi collettivi in materie ad essi relative, nel rispetto della loro autonomia e del diritto all'azione collettiva. Se del caso, gli accordi conclusi tra le parti sociali sono attuati a livello dell'Unione e dei suoi Stati membri.I lavoratori oi loro rappresentanti hanno il diritto di essere informati e consultati in tempo utile su questioni ad essi relative, in particolare sul trasferimento, la ristrutturazione e la fusione di imprese e sui licenziamenti collettivi. È incoraggiato il sostegno a una maggiore capacità delle parti sociali di promuovere il dialogo sociale.

9. Equilibrio vita-lavoro. I genitori e le persone con responsabilità assistenziali hanno diritto a congedi adeguati, a disposizioni di lavoro flessibili e all'accesso ai servizi di assistenza. Le donne e gli uomini devono avere pari accesso alle foglie speciali di assenza al fine di adempiere alle loro responsabilità assistenziali ed essere incoraggiati a usarli in modo equilibrato.

10. Ambiente di lavoro sano, sicuro e ben adattato e protezione dei dati. I lavoratori hanno il diritto ad un alto livello di protezione della loro salute e sicurezza sul lavoro. I lavoratori hanno il diritto a un ambiente di lavoro adeguato alle loro esigenze professionali e che consente loro di prolungare la loro partecipazione al mercato del lavoro. I lavoratori hanno il diritto di proteggere i loro dati personali nel contesto lavorativo.

Capitolo III: Protezione sociale e inclusione.

11. Assistenza all'infanzia e sostegno ai bambini. I bambini hanno diritto all'educazione della prima infanzia a prezzi accessibili e alla cura della buona qualità. I bambini hanno il diritto alla protezione dalla povertà. I bambini provenienti da contesti svantaggiati hanno il diritto di adottare misure specifiche per migliorare le pari opportunità.

12. Protezione sociale. Indipendentemente dal tipo e dalla durata del rapporto di lavoro, i lavoratori e, in condizioni comparabili, i lavoratori autonomi hanno diritto a un'adeguata protezione sociale.

13. Prestazioni di disoccupazione I disoccupati hanno il diritto a un adeguato sostegno all'attivazione da parte dei servizi pubblici per l'impiego per (re) integrarsi nel mercato del lavoro e adeguati sussidi di disoccupazione di durata ragionevole, in linea con i loro contributi e le norme nazionali di ammissibilità. Tali benefici non devono costituire un disincentivo per un rapido ritorno al mondo del lavoro.

14. Reddito minimo. Chiunque non abbia risorse sufficienti ha il diritto a un reddito minimo adeguato, garantendo una vita dignitosa in tutte le fasi della vita e un accesso efficace alla possibilità di beni e servizi. Per coloro che possono lavorare, i benefici del reddito minimo dovrebbero essere combinati con incentivi per (re) integrarsi nel mercato del lavoro.

15. Reddito e pensioni di vecchiaia I lavoratori e i lavoratori autonomi in pensione hanno diritto a una pensione proporzionata ai loro contributi e garantendo un reddito adeguato. Le donne e gli uomini devono avere pari opportunità di acquisire diritti a pensione. Tutti, in età avanzata, hanno il diritto a risorse che garantiscano una vita dignitosa.

16. Assistenza sanitaria. Ogni individuo ha il diritto di accedere tempestivamente a cure sanitarie accessibili, preventive e curative di buona qualità.

17. Inclusione di persone con disabilità.Le persone con disabilità hanno il diritto al sostegno al reddito che garantisce una vita dignitosa, servizi che consentano loro di partecipare al mercato del lavoro e alla società e un ambiente di lavoro adeguato alle loro esigenze.

18. Assistenza a lungo termine.Tutti hanno diritto a servizi di assistenza a lungo termine di buona qualità, in particolare servizi di assistenza domiciliare e di comunità.

19. Alloggio e assistenza per i senzatetto . L'accesso all'edilizia sociale o l'assistenza abitativa di buona qualità devono essere forniti a chi ne ha bisogno.. Le persone vulnerabili hanno il diritto ad un'adeguata assistenza e protezione contro lo sgombero forzato. Ai senzatetto devono essere forniti adeguati alloggi e servizi per promuovere la loro inclusione sociale.

20. Accesso ai servizi essenziali. Ogni individuo ha il diritto di accedere a servizi essenziali di buona qualità, tra cui acqua, servizi igienico-sanitari, energia, trasporti, servizi finanziari e comunicazioni digitali. Il supporto per l'accesso a tali servizi deve essere disponibile per coloro che ne hanno bisogno.

Alessandra Servidori


07 Maggio 2018
Powered by Adon