Nessun accenno a investimenti, né parte dell’azienda né da parte della Regione, così come sembra essere scomparso dai radar il fondo sulla formazione. Questa la situazione denunciata dalla Slc-Cgil di Palermo in merito alla situazione dello stabilimento di Almaviva Almaviva, ancora nessun investimento per la sede di Palermo

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 1213 1415 16
17181920 212223
2425262728 29 30
31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

CALL CENTER

Almaviva, ancora nessun investimento per la sede di Palermo

Argomento: Almaviva, Slc

 “Ancora una volta non si è parlato né di un piano di investimenti da parte dell'azienda né su quello che la Regione intende fare per dare una prospettiva di vita ad Almaviva in Sicilia e tenerla radicata alla nostra terra. Si è discusso di argomenti pretestuosi, a cominciare dal controllo a distanza dei lavoratori: l'articolo 4 dello statuto dei lavoratori è l'ultimo degli argomenti da cui partire e va affrontato a livello nazionale, perché investe tutto il settore e non solo Almaviva”. Lo afferma il segretario generale della Slc Cgil Palermo Maurizio Rosso al termine dell'incontro su Almaviva che si è svolto presso l'assessorato regionale al Lavoro, alla presenza dell'assessore Mariella Ippolito, delle organizzazioni sindacali, del presidente e amministratore delegato di Almaviva Andrea Antonelli e del suo staff. Prossimi aggiornamenti: il 12 e il 18 giugno.   

“Che fine ha fatto alla regione il fondo sulla formazione? E l'applicazione dei bandi di information technology? - domanda Rosso – E quali sono gli investimenti dell'azienda?  Ci aspettiamo da Almaviva cifre e date previste per gli esodi incentivati, una data precisa per le 100 postazioni di information technology e l'avvio della discussione sul contratto di secondo livello, che può cambiare in modo definitivo l'organizzazione del lavoro. Su questi punti siamo disponibili a confrontarci. Basta chiacchiere. Siamo stanchi di vedere accordi puntualmente disattesi e smentiti dall'azienda. E vorremmo che la Regione pretenda il rispetto degli accordi e segnali concreti per dare un futuro al settore”.


06 Giugno 2018
Powered by Adon