Dopo l’incontro al Mise tra Luigi Di Maio e le organizzazioni sindacali, Cgil e Fiom chiedono a ArcelorMittal una revisione del loro piano, che deve contemplare l’assenza di licenziamenti, la riduzione dei tempi negli investimenti e l’avvio di un reale percorso di bonifica Ilva, Cgil-Fiom chiedono modifiche sostanziali al piano di ArcelorMittal

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
2021 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ACCIAIO

Ilva, Cgil-Fiom chiedono modifiche sostanziali al piano di ArcelorMittal

Argomento: Cgil, Fiom, Ilva

“Si è svolto oggi l’incontro con il Ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, e le organizzazioni sindacali in merito alla vertenza Ilva.

Il Governo ci ha informato che ha chiesto delle modifiche ad ArcelorMittal sul piano occupazionale e sulle tempistiche di realizzazione sul piano ambientale e sull’utilizzo di nuove tecnologie; e l’azienda si è resa disponibile a formulare nuove proposte.

Come Cgil e Fiom abbiamo ribadito che queste modifiche, da noi condivise, sono la precondizione per riavviare il negoziato. Infatti, per quanto ci riguarda, sono imprescindibili l’assenza di licenziamenti e garanzie per i lavoratori diretti e dell’indotto, la certezza, la trasparenza e la riduzione dei tempi degli investimenti per le migliori tecnologie produttive e l’avvio di un reale processo di bonifica aziendale e del territorio di Taranto, e il rispetto dei contenuti dell’accordo di programma di Genova.

Inoltre, abbiamo ribadito, come elemento di garanzia e di controllo pubblico, l’ingresso nell’assetto societario di quote significative di Cassa Depositi e Prestiti.

Il mese di luglio è per noi il tempo nel quale verificare l’esistenza delle condizioni per la ripresa della trattativa, finalizzata a raggiungere un’intesa, la quale dovrà essere sottoposta al giudizio e al voto vincolante delle lavoratrici e dei lavoratori di tutto il Gruppo”. Lo dichiarano in una nota congiunta Maurizio Landini, segretario nazionale Cgil e Francesca Re David, segretaria generale Fiom.

 


09 Luglio 2018
Powered by Adon