Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
234567 8
9101112131415
16 1718 19 2021 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

La Cisl boccia il salario minimo del Pd: ''indebolisce i contratti''


"La proposta annunciata oggi dal Pd di introdurre un salario minimo a 9 euro orari per i lavoratori senza contratto rischia di indebolire la struttura contrattuale e di non risolvere le questioni che riguardano diritti e tutele delle persone". Lo afferma Luigi Sbarra, Segretario Generale Aggiunto della Cisl.
 "Per la Cisl- aggiunge il sindacalista - i contratti nazionali devono continuare ad assolvere al compito di regolare i minimi contrattuali in ogni settore. E’ la scelta che abbiamo fatto unitariamente anche nel recente Patto per la Fabbrica con Confindustria. Semmai chiediamo a tutte le forze politiche di confrontarsi subito con le parti sociali per combattere e bloccare quel dumping contrattuale e quei contratti pirata stipulati da parti per nulla rappresentative e che generano davvero lavoro sottopagato".  La priorità per il sindacato di via Po "non è una battaglia su un salario minimo teorico ma è la riaffermazione della centralità del contratto collettivo stipulato da parti rappresentative come regolatore del salario. E’ la strada che anche nel caso dei riders stiamo provando a perseguire, segno che la contrattazione è in grado di tutelare le forme di lavoro più nuove". 
Per quanto riguarda la eventuale reintroduzione dei voucher "la Cisl dice chiaramente che ciò è possibile solo in modo molto mirato e giustificato. Così come è stato sbagliato abolire frettolosamente e in modo totale i voucher lo scorso anno, altrettanto sbagliata sarebbe una loro reintroduzione generica. I voucher non devono essere nuova fonte di abusi incontrollati, possono servire in misura limitata per agevolare lavori familiari e piccole attività di carattere episodico. Ma siamo contrari a pensare che in via generalizzata si possano reintrodurre i voucher in settori come l’edilizia e l’agricoltura, per i quali i rispettivi contratti nazionali e decentrati prevedono norme specifiche e precise per riconoscere, attraverso il lavoro a chiamata, i contratti occasionali e stagionali, le esigenze di flessibilità delle aziende", conclude Sbarra.

10 Luglio 2018
Powered by Adon