Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
234567 8
9101112131415
16 17 18 19 2021 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

Le fantasticherie di Rousseau


Le parole sono croci sulle quali inchiodare chi dissente. Ecco il decreto dignità e di converso i critici diventano indegni. Se il governo decidesse di varare un decreto uguaglianza, coloro che non fossero d’accordo sui contenuti verrebbero additati come i paladini dell’iniquità. Gli oppositori a un decreto felicità sarebbero tacciati di essere profeti del dolore. Solo i cattivi conclamati potrebbero avere dubbi su un decreto bontà, i seminatori di odio su un decreto amore, i volgari e i maleducati su un decreto gentilezza, i perversi su un decreto castità, i ladri su un decreto onestà.  Non c’è scampo, in questa versione moderna dell’Inquisizione.

Guerra ai privilegiati, proclama Di Maio con il suo sorriso compiaciuto. E il popolo applaude. Via gli immigrati, tuona Salvini, con il suo cipiglio decisionista. E il popolo applaude. Gli slogan non ammettono tentennamenti. Sono ordini. E il popolo applaude. Ubbidisce, illudendosi di comandare. Accade in Italia, accade con tutti i demagoghi del creato.

Il consenso elettorale cresce. Più del sessanta per cento, rilevano i sondaggi. Metà e metà. Un trionfo per la Lega, una conferma per i Cinque Stelle. E nella dittatura della maggioranza le parole diventano pietre per seppellire l’avversario. L’opposizione, quel che ne resta, a sua volta esce da un’attonita afasia unicamente per rispondere con il lancio di altri sassi verbali. Razzisti e fascisti, le accuse tristi e senza fantasia. E’ il tramonto della logica, della temperanza, della razionalità, del dialogo.

Confucio sosteneva che in una società armoniosa è fondamentale usare i nomi in modo appropriato, altrimenti è il trionfo della confusione e dell’incomprensione.  E invece le parole stanno perdendo il loro significato e il loro valore di conoscenza, di relazione, di condivisione. Il linguaggio, figlio del pensiero che dovrebbe contraddistinguere l’umanità, torna suono primordiale, urlo belluino, ruggito. Allora è meglio il silenzio. Rousseau, nume tutelare dei grillini, nel declinare della vita scriveva, con amarezza e delusione, di voler riservare le sue attenzioni agli animali perché non sono mai traditori o scaltri e non hanno secondi fini: “Un cane mi è assai più simile che non un uomo della presente generazione”. Fantasticherie di un passeggiatore solitario.


18 Luglio 2018
Powered by Adon