Anief e Cobas scenderanno in piazza Montecitorio con un sit-in che si terrà in concomitanza con la discussione del decreto Milleproroghe alla Camera. Tra le richieste l’inserimento in GaE di tutti i docenti abilitati, la stabilizzazione dei precari e modifiche alle regole dei trasferimenti Al via il primo sciopero dell'anno di tutto il personale della scuola

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
34 5678 9
1011 121314 15 16
17 1819202122 23
2425 262728

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

SCUOLA

Al via il primo sciopero dell'anno di tutto il personale della scuola


Anche se in molte regioni non si è ancora tornati sui banchi, l’Anief ha proclamato per la giornata di oggi, 11 settembre, il primo sciopero del nuovo anno scolastico che riguarda tutto il personale docente, Ata ed educativo, a tempo determinato e indeterminato, delle istituzioni statali e comunali (comprese materne e nidi comunali).

Lo sciopero si terrà in concomitanza con la discussione del decreto milleproroghe alla Camera dei Deputati a Roma, davanti alla quale l'Anief ha organizzato un sit-in (dalle 9 alle 14), al quale parteciperanno anche i Cobas, Ciò per richiedere l'incontro di una delegazione allo scopo di spiegare le ragioni della contestazione ai responsabili del Parlamento e del Miur.

In particolare, Anief e Cobas chiedono l'inserimento in GaE di tutti i docenti abilitati; la conferma dei ruoli di chi ha superato l'anno di prova; la trasformazione dei posti in organico di fatto e di quelli in deroga sul sostegno in posti in organico di diritto e stabilizzazione di tutti i precari; una parità di trattamento giuridico ed economico tra personale di ruolo e personale precario; il ripristino del primo gradone stipendiale per i neo assunti dal 2011; una modifica delle regole sui trasferimenti in modo tale da sanare gli effetti nefasti della Legge 107/2015; il riconoscimento per intero del servizio prestato da precario nella ricostruzione della carriera; la salvaguardia degli aumenti contrattuali assegnati per il 2018; il recupero dell`inflazione e il ripristino dell`indennità di vacanza contrattuale.


11 Settembre 2018
Powered by Adon