In un'audione in Parlamento sulla Nadef il vicepresidente Luigi Federico Signorini ha affermato che Bankitalia ha rivisto al ribasso le stime di crescita sia per quest'anno che per il prossimo. Signorini ha poi aggiunto che le oscillazioni dello spread pesano su famiglie e imprese Bankitalia, nel 2019 crescita del Pil inferiore all'1%

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345 6
789101112 13
1415161718 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

MANOVRA

Bankitalia, nel 2019 crescita del Pil inferiore all'1%


La crescita del Pil per il 2019 dovrebbe attestarsi leggermente sotto l'1%. Lo rende noto Bankitalia.

"Nel Bollettino economico di luglio - ha affermato il vicedirettore generale della Banca d'Italia Luigi Federico Signorini in un'audizione sulla Nadef in Parlamento - prefiguravamo un aumento del Pil pari all`1,3 per cento quest’anno e all`1 nel 2019, ipotizzando la completa disattivazione delle clausole di salvaguardia sulle imposte indirette. Le informazioni più recenti suggeriscono che, a parità di ipotesi sulle politiche economiche, la crescita dovrebbe essere leggermente inferiore sia quest’anno, sia il prossimo".

Sulle oscillazioni dello spread Signorini ha sottolineato come esse "esercitano i propri effetti anche sui soggetti italiani, famiglie, imprese, istituzioni finanziarie, che lo detengono. In ultima analisi al debito pubblico fa riferimento una parte importante del nostro risparmio". Inoltre il vice direttore di Bankitalia ha aggiunto che "una minore valutazione dei titoli di Stato in portafoglio incide sui requisiti patrimoniali delle banche; oltre certi limiti, può ridurne la capacità di offrire credito all’economia".


09 Ottobre 2018
Powered by Adon