Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
234567 8
9101112131415
16 17 18 19 2021 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

MANOVRA

Istat, la prospettiva economica non è favorevole


"Le prospettive a breve termine dell'economia in base ai segnali forniti dall'indicatore anticipatore stimato dall'Istat non risultano favorevoli: negli ultimi mesi l'indicatore ha seguito un andamento discendente lasciando prevedere il prolungamento della fase di crescita contenuta". È quanto ha riferito il presidente facente funzione dell'Istat, Maurizio Franzini, in occasione di un'audizione sulla Nadef in Parlamento.

In Italia 5 milioni e 58mila persone vivono in povertà assoluta (l'8,4% dell'intera popolazione), e 1 milione a 778 famiglie (6,9% delle famiglie residenti). Si tratta dei dati più alti dal 2005Il fenomeno ha interessato il 6,2% dei cittadini italiani (pari a 3 milioni e 449 mila individui) e il 32,3% degli stranieri (1 milione e 609mila individui).

Sempre nel 2017 quasi la metà degli individui in povertà assoluta sono residenti nel Mezzogiorno, con un'incidenza dell'11,4% sulla popolazione, al Centro e nel Nord l'incidenza è simile, pari rispettivamente al 5,1% e 5,4 per cento. Al Sud il fenomeno interessa il 10,2% degli italiani e il 40% degli stranieri, la cui consistenza numerica è tuttavia estremamente ridotta.

Rispetto al 2016, prosegue l'Istat, l’incidenza della povertà assoluta tra gli individui è stimata in crescita di 0,5 punti percentuali (da 7,9% a 8,4%), e ciò deriva dalla combinazione di una crescita di 0,7 punti percentuali per i soli italiani (da 5,5 a 6,2%) e di una riduzione di 1,7 punti percentuali per gli stranieri (da 34 a 32,3%), tra i quali l’incidenza della povertà assoluta rimane tuttavia ampiamente superiore al 30%.

Sul versante del lavoro autonomo, in Italia sono 5 milioni, di cui 1,4 milioni sono gli autonomi con dipendenti e circa 3,3 milioni gli autonomi 'puri' senza dipendenti. I lavoratori parzialmente autonomi ammontano a circa 338mila (il 9,3% degli autonomi senza dipendenti).

"L’incidenza del lavoro indipendente, nel secondo trimestre del 2018, in Italia risultava - ha Franzini - pari a circa il 23% (di cui il 15,8% senza dipendenti), rispetto ad una media Ue del 15,4% (10,3% senza dipendenti)".

"La tradizionale distinzione fra lavoratore dipendente e lavoro autonomo - ha detto - risulta tuttavia da tempo inadeguata a rappresentare correttamente un mercato del lavoro autonomo estremamente eterogeneo, composto in misura crescente da un’ampia gamma di profili professionali con gradi molto diversi di autonomia, da quella massima degli imprenditori a quella minima, praticamente assente, per i collaboratori mono-committenti".


09 Ottobre 2018
Powered by Adon