Fatturato e ordini dell'industria in ripresa ad agosto. Secondo i dati pubblicati dall'Istat, il fatturato è cresciuto dell'1,2% rispetto al mese precedente, recuperando la diminuzione registrata a luglio pari allo 0,9%. Istat, fatturato e ordini dell’industria in ripresa ad agosto

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
234567 8
91011121314 15
161718192021 22
23 24 25 26 27 28 29
30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

INDUSTRIA

Istat, fatturato e ordini dell’industria in ripresa ad agosto


Allegati
Istat - Rapporto fatturato industria

Cliccare per aprire il file

Fatturato e ordini dell'industria in ripresa ad agosto. Secondo i dati pubblicati dall'Istat, il fatturato è cresciuto dell'1,2% rispetto al mese precedente, recuperando la diminuzione registrata a luglio pari allo 0,9%. Nella media degli ultimi tre mesi, l'indice complessivo è cresciuto dello 0,6% sui tre mesi precedenti.

Anche gli ordinativi hanno registrato una crescita congiunturale, pari al 4,9% e che segue la flessione del mese precedente del 2,2%. Nella media degli ultimi tre mesi sui tre mesi precedenti si registra un incremento pari allo 0,6%.

Secondo l'istituto di statistica "il contributo maggiore alla crescita deriva dalle vendite all'estero, che fanno registrare una delle maggiori variazioni dall'inizio del 2016. Anche il fatturato in volume del settore manufatturiero evidenzia un andamento congiunturale positivo nel mese di agosto, segnando, però, una leggera riduzione nella media degli ultimi tre mesi".

La dinamica congiunturale del fatturato riflette l'andamento solo di poco positivo del mercato interno (+0,2%) e, in misura più accentuata, di quello estero (+3,1%). Anche per gli ordinativi, dice l'Istat con un comunicato, l'incremento congiunturale è notevolmente meno ampio per le commesse raccolte sul mercato interno (+0,5%) rispetto a quelle provenienti dal mercato estero (+11,0%).

Gli indici destagionalizzati del fatturato segnano aumenti congiunturali in tutti i raggruppamenti principali di industrie; la variazione positiva più elevata si rileva per i beni strumentali (+2,2%). Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 22 come ad agosto 2017), il fatturato totale cresce in termini tendenziali del 3,2%, con incrementi dell'1,2% sul mercato interno e del 7,0% su quello estero.

Nel comparto manufatturiero, prosegue l'Istat, i settori che registrano le variazioni tendenziali più rilevanti sono quelli del coke e dei prodotti petroliferi raffinati (+16,2%) e dei prodotti farmaceutici (+7,4%), mentre l'industria del legno e della carta mostra la flessione maggiore (-2,8%).

L'indice grezzo degli ordinativi segna un aumento tendenziale dello 0,9%, sintesi di una riduzione del 7,5% per il mercato interno e di un marcato incremento dell'11,6% per il mercato estero. La maggiore crescita tendenziale si registra nel settore dei mezzi di trasporto (+24,9%), mentre un'accentuata diminuzione si rileva nel comparto dei prodotti di elettronica e ottica (-62,5%).


16 Ottobre 2018
Powered by Adon