Si accende il botta e risposta, via social, tra il portavoce della Cgil, Massimo Gibelli, e il responsabile del piano per il Lavoro, Gaetano Sateriale. Cgil, e’ polemica su Twitter per un post sul Diario del Lavoro

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123456 7
8910111213 14
151617 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

SINDACATO

Cgil, e’ polemica su Twitter per un post sul Diario del Lavoro

Argomento: Cgil, Sindacato

Correlati

Botta e risposta, via Twitter, tra il portavoce di Susanna Camusso, Massimo Gibelli, e il responsabile del piano per il lavoro, Gaetano Sateriale. La miccia la innesca un post di Sateriale, pubblicato venerdi scorso nei blog del Diario del Lavoro, decisamente critico per la scelta di candidare Maurizio Landini come successore di Susanna Camusso e paventando una ''fiommizzazione'' della Cgil.  A Sateriale, sempre sul Diario, ha poi replicato ieri Claudio Treves, segretario del Nidil, esprimendo una posizione opposta, cioe' difendendo la scelta della segreteria generale.

A questo punto il tutto si sposta sui social, e per la precisione su Twitter, dove interviene Massimo Gibelli, che tuitta il post di Treves  commentando: “In un articolo su @Diariolavoro @claudioTreves critica a fondo le posizioni di @GaeSat2015 sul congresso”. Ma Sateriale, sempre via Twitter, ribatte: ‘’Critica a fondo? dài su ragazzi... p.s. sono il primo a sperare che qualcuno, seriamente, mi convinca che sto sbagliando...”.

Controreplica di Gibelli: “Gaetano fa una cosa: dillo direttamente  a @claudioTreves che la sua è una critica all’acqua di rose!”. Chiude lo scambio  Sateriale: “Massimo, non gioco a ping pong su Twitter. Ho apprezzato la sincerità di Claudio. Sei tu che parli di « critica profonda », io ho un’idea diversa di profondità delle opinioni e delle critiche... Passo e chiudo”.


16 Ottobre 2018
Powered by Adon