In una nota congiunta le segreterie generale della funzione pubblica dei tre sindacati confederali si rivolta al ministro della Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno per avere delle risposte chiare, altrimenti, proseguono i sindacati, continuerà la mobilitazione Cgil, Cisl e Uil, vogliamo certezze su risorse per contratti e assunzioni

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3
45 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 2829 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

PUBBLICO IMPIEGO

Cgil, Cisl e Uil, vogliamo certezze su risorse per contratti e assunzioni

Argomento: Cgil, Cisl, Pubblico impiego, Uil

Correlati

“Vogliamo certezze sulle risorse per il rinnovo dei contratti pubblici e sulle assunzioni, dal ministro Bongiorno ci aspettiamo conferme”. È quanto affermano i segretari generali di Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Fpl e Uil Pa, Serena Sorrentino, Maurizio Petriccioli, Michelangelo Librandi e Nicola Turco, dagli esecutivi unitari delle categorie del pubblico impiego, in merito al dibattito di queste ore sulla legge di bilancio.

“Si apprende dalla stampa e da bozze che circolano del testo della legge di bilancio, datata 23 ottobre, - osservano i segretari generali - che si prevedono risorse per assunzioni e contratti e che camminerebbe, insieme alla manovra, il cosiddetto ddl concretezza. Come abbiamo ribadito in questi mesi, vogliamo certezze e quindi aspettiamo conferme dal ministro Bongiorno”.

Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Fpl e Uil-Pa rivendicano conferme “anche perché - precisano - se le cifre e i capitoli su cui si prevedono investimenti sono quelli che si leggono in questi testi informali, siamo in grado di dire due cose. La prima è che mancano una serie di provvedimenti in grado di dare impulso alla contrattazione decentrata. Fatti due conti rapidi per i contratti nazionali servono risorse in più anche perché vorremmo garanzie per sanità ed enti locali, oltre che per le amministrazioni centrali. La seconda, relativa alle assunzioni, è che siamo all’emergenza: vogliamo un piano chiaro e avere il quadro dei fabbisogni delle amministrazioni. Se ci saranno risposte adeguate il sindacato risponderà prontamente perché nostro obiettivo è garantire diritti, salario e qualità dei servizi, se invece verificheremo che non ci saranno risposte adeguate proseguiremo mobilitazione”, concludono Sorrentino, Petriccioli, Librandi e Turco.

Annalisa Buccellato

 


24 Ottobre 2018
Powered by Adon