Per il leader degli edili della Cgil bloccare le opere individuate dal piano Connettere l’Italia sarebbe un grave danno per l’economia del paese. La Cgil, spiega Genovesi, si batterà con Cisl e Uil per il loro completamento Genovesi (Fillea-Cgil), lo stop della Tav e delle grandi opere è un danno per il pease

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345 6
7 8910111213
141516171819 20
21 22 2324 2526 27
28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

INFRASTRUTTURE

Genovesi (Fillea-Cgil), lo stop della Tav e delle grandi opere è un danno per il pease


“Fermare le 25 grandi opere individuate dal programma di investimenti pluriennale denominato Connettere l’Italia produrrebbe un danno grave al Paese” è quanto dichiara Alessandro Genovesi, segretario generale della Fillea-Cgil all’indomani dell’approvazione dell’ordine del giorno anti-Tav da parte del Consiglio Comunale di Torino.

Per Genovesi con il blocco delle grandi opere infrastrutturali “si allargheranno ulteriormente i divari tra noi e il mondo e, soprattutto, si ridurrà inevitabilmente la capacità competitiva del nostro tessuto produttivo. A pagare il conto sarebbero solo cittadini e lavoratori, a partire da quelli di Torino e del Piemonte”.

“Da tempo come Fillea ma anche e soprattutto come Cgil chiediamo che sia superata l’apparente alternativa tra grandi infrastrutture e infrastrutture secondarie” prosegue Genovesi che ricorda “lo abbiamo ribadito anche nella piattaforma unitaria approvata il 22 u.s. dagli esecutivi unitari nazionali di Cgil, Cisl e Uil, in cui abbiamo indicato le priorità del sindacato per la legge di bilancio.”

“Tra queste priorità - prosegue il leader degli edili Cgil – abbiamo indicato gli investimenti pubblici come prima leva per generale una crescita sostenuta. In particolare rivendichiamo unitariamente la necessità del completamento delle grandi opere - che connettono il paese, ne rappresentano la spina dorsale e lo collegano al resto dell’Europa - e degli investimenti per un piano straordinario sulla manutenzione delle infrastrutture esistenti contro i rischi connessi al dissesto del nostro territorio, anche in questi giorni, sotto gli occhi di tutti. Questa è la posizione ufficiale della Cgil, che insieme a Cisl e Uil, chiedono che siano il lavoro e lo sviluppo ad essere messi al centro dell’agenda politica di tutti, Governo nazionale e governi locali”.


30 Ottobre 2018
Powered by Adon