In una nota il segretario nazionale della Fim-Cisl sottolinea l’urgenza di avviare un confronto al Mise per l’azienda di Avezzano Alberta (Fim-Cisl), LFoundry: rafforzare le prospettive industriali e garantire l’occupazione

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1234
567891011
121314151617 18
1920212223 24 25
2627 2829 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

MICROELETTRONICA

Alberta (Fim-Cisl), LFoundry: rafforzare le prospettive industriali e garantire l’occupazione


“Da tempo come organizzazioni sindacali chiediamo la convocazione di un incontro al Ministero dello Sviluppo Economico per la verifica del piano industriale e per le garanzie occupazionali di LFoundry, azienda di microelettronica e semiconduttori con circa 1500 dipendenti nell’area di Avezzano (AQ)”. Così in una nota il segretario nazionale della Fim-Cisl Nicola Alberta.

Nei giorni scorsi è stato sottoscritto tra azienda e sindacati, alla presenza del Presidente vicario della Regione Abruzzo, un accordo per il contratto di solidarietà per un periodo di 18 mesi dal 1 dicembre 2018 e con un impatto medio pari al 30% delle ore, che coinvolge quasi tutti i lavoratori dello stabilimento di Avezzano, a fronte di uno scarico di ore lavorabili di circa il 30% dovuto ad un calo di commesse oltre che alle esigenze di implementazione di investimenti organizzativi e tecnologici.

“Ma l’accordo sul contratto di solidarietà - prosegue Alberta - deve accompagnarsi necessariamente al rafforzamento delle prospettive industriali e occupazionali. Per tali ragioni abbiamo sollecitano nel più breve tempo possibile la riconvocazione, saltata questa settimana, del confronto a livello ministeriale insieme a Regione Abruzzo e Amministrazioni locali, per la verifica del piano industriale di LFoundry e delle strategie del gruppo cinese Smic che controlla LFoundry. È necessario infatti, discutere delle scelte in materia di investimenti e di nuovi prodotti e mercati destinati al sito marsicano”.

“È necessario aprire finalmente una fase nuova di rafforzamento, sviluppo e crescita per LFoundry. Il sito produttivo di semiconduttori ha per la provincia e per il territorio marsicano, pesantemente colpito dalla crisi, ricadute economiche e occupazionali troppo importanti per essere lasciata sola. Serve fare squadra e avere il sostegno di tutte le istituzioni locali e del Ministero per dare al più presto risposte positive ai lavoratori e alle loro famiglie e delineare un futuro certo per un territorio importante e a forte vocazione tecnologica come quello di Avezzano e della provincia aquilana che in questi anni ha visto diradarsi il tessuto delle imprese tecnologiche che vi operavano e che hanno contribuito non poco alla crescita dell’intera area”, conclude Alberta.


08 Novembre 2018
Powered by Adon