I tre sindacati confederali evidenziano il bisogno che del Mezzogiorno di risorse e politiche per il lavoro, del tutto assenti nella manovra del governo Cgil-Cisl-Uil Napoli, il Sud non ha bisogno di assistenza

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1234
567891011
121314151617 18
1920212223 24 25
2627 2829 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

MANOVRA

Cgil-Cisl-Uil Napoli, il Sud non ha bisogno di assistenza

Argomento: Uil

"A Napoli e al Mezzogiorno non serve assistenza, ma politiche e strumenti per uno sviluppo strutturale e duraturo che producano occupazione di qualità e crescita economica". E' quanto sostengono Cgil, Cisl e Uil Napoli che oggi hanno discusso con i lavoratori la piattaforma di proposte dei sindacati di riferimento nazionali. Presenti all'attivo unitario Walter Schiavella, segretario generale della Cgil Napoli; Giovanni Sgambati, segretario generale della Uil Napoli e Luigi Sbarra, segretario generale aggiunto della Cisl nazionale.

"Nella legge di bilancio mancano le risposte adeguate per i Comuni che, come quello di Napoli, sono in pre-dissesto e non possono subire ulteriori tagli di risorse e di organico, né possono permettersi un commissariamento - affermano -. Il tutto ricadrebbe sui cittadini e sui lavoratori in termini di riduzione dei già insufficienti servizi erogati, tanto più che la situazione occupazionale è al collasso e il territorio metropolitano rischia di perdere altre migliaia di posti di lavoro".

Secondo i sindacati l'utilizzo degli oltre 22 miliardi di spesa da parte del governo dovrebbe essere "più mirato", puntando su politiche che mettano "al centro il lavoro, l'occupazione femminile e giovanile"; "azioni rivolte a contrastare l'esclusione sociale e la povertà, investimenti in infrastrutture materiali e sociali, nell'industria, nell'innovazione e nella ricerca".

Sulla "vertenza Mezzogiorno" Cgil-Cisl-Uil hanno obiettivi unitari e chiedono "azioni ed impegni più concreti al Governo" non escludendo di mettere in campo iniziative unitarie nelle prossime settimane.


08 Novembre 2018
Powered by Adon