Dopo l’annunciano si accusa Gm di voler produrre solo in Cina per vendere ai consumatori americani e guadagnare di più General Motors, entro il 2019 taglierà il 15% del personale. L’ira di Trump e dei sindacati

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

AUTOMOTIVE

General Motors, entro il 2019 taglierà il 15% del personale. L’ira di Trump e dei sindacati


Correlati

14.700 posti di lavoro in meno alla General Motors, di cui 8100 colletti bianchi e 6.000 operai, così ha annunciato la General Motors. Verranno chiusi cinque stabilimenti tra cui 4 negli Stati Uniti. Detroit, Warren, Lordstown e White Marsh ed uno in Canada. “Le misure che prendiamo oggi ci permettono di proseguire la nostra trasformazione per essere più agili, resilienti e capaci di generare profitti”, ha affermato la numero uno del gruppo, Mary Barra. E ancora: “È necessario anticipare i cambiamenti del mercato e i gusti dei consumatori perché il nostro gruppo sia ben posizionato per avere successo nel lungo termine”. Il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha dichiarato “Gm dovrebbe smetterla di produrre in Cina”. Allo stesso modo Terry Dittes dell’Uaw ha affermato: “Questa decisione iniqua di Gm di chiudere le fabbriche americane mentre si aumenta la produzione in quelle cinesi o messicane per vendere ai consumatori americani è profondamente sbagliata”


27 Novembre 2018
Powered by Adon