Secondo l’agenzia per il lavoro il peggioramento delle condizioni economiche e del mercato del lavoro è conseguenza dei provvedimenti, in materia di lavoro presi in estate. Il decreto dignità, spiega la nota, è una legge loose-loose, che non aiuto né lavoratori né imprese Gi-Group, l’aumento della disoccupazione e il calo del Pil sono dati che non devono stupire

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
34 5678 9
1011 121314 15 16
17 1819202122 23
2425 262728

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

Gi-Group, l’aumento della disoccupazione e il calo del Pil sono dati che non devono stupire


Il tasso di disoccupazione a ottobre è salito al 10,6% (+ 0,2 su settembre) e nel terzo trimestre il Pil è diminuito dello 0,1% rispetto al trimestre precedente, primo dato congiunturale negativo dal secondo trimestre 2014. Sono questi gli ultimi dati diffusi dall’Istat sulla situazione economica e del mercato del lavoro in Italia.

Per Stefano Colli-Lanzi, CEO di Gi Group “il peggioramento è la conseguenza delle scelte fatte ed è l’effetto logico dei provvedimenti sul lavoro che sono stati presi questa estate. In un momento nel quale tutta Europa registra un rallentamento, noi rischiamo di pagare il prezzo più alto di tutti in termini di decrescita.”

“Le leggi virtuose – prosegue Colli-Lanzi - sono quelle win-win capaci di portare benefici tanto alle aziende quanto alle persone. Il Decreto Dignità, invece, è loose-loose; fa perdere tutti perché irrigidisce le possibilità di assunzione per le imprese con la reintroduzione delle causali, scritte tra l’altro in modo da essere inapplicabili, e non aggiunge tutele significative per le persone; l’unico effetto certo è già oggi quello di aumentare il rischio di contenzioso giudiziario contribuendo a rendere il mercato meno efficiente e meno capace di offrire opportunità a chi cerca lavoro.”

“Gi Group continua a credere nel ruolo delle Agenzie per il Lavoro che, sempre di più, si caratterizzano per essere operatori essenziali per sviluppare il mercato del lavoro attraverso servizi di valore, sia per le aziende che per le persone. – conclude Colli-Lanzi - Come ampiamente dimostrato dai fatti, lungi dall’essere portatrici di precariato, le Agenzie per il Lavoro contribuiscono a migliorare l’incontro tra domanda e offerta, a massimizzare le opportunità di impiego di tutte le fasce di lavoratori e a costruire percorsi di sviluppo di carriera attraverso la formazione ed il supporto alla ricollocazione assicurando, al tempo stesso, trasparenza e rispetto di norme e contratti”.

TN


05 Dicembre 2018
Powered by Adon