Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345 6
7 8910111213
141516171819 20
21 22 2324 2526 27
28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

Il Parlamento, bivacco di manipoli


Un bivacco di manipoli. La minaccia di Benito Mussolini, pronunciata dopo la marcia su Roma nell’aula “sorda e grigia”, si è avverata. Il Parlamento, lo dice la parola stessa, dovrebbe essere il luogo del supremo confronto e delle meditate decisioni. Ma, ormai da anni, i due palazzi, Montecitorio e Madama, sono abitati da truppe confuse in attesa di ordini. I dibattiti sono degli inutili quanto roboanti monologhi, pronunciati solo per esibire con proterva sicumera presunte certezze e per ricoprire l’avversario, anzi il nemico, di nefande accuse. Mai gli urlati e cacofonici battibecchi hanno una pur minima velleità di convincere almeno in parte chi non è d’accordo, la ricerca di qualsiasi mediazione o ragionevole compromesso viene bandita qual fosse prova di tradimento.

Si può obiettare che è sempre stato cosi, che gli scontri tra comunisti, democristiani e missini non erano solo verbali ma assumevano una fisicità da angiporto. Vero, ma persino le risse sedate a stento dai commessi avevano qualcosa di nobile, figlie di ideali che si volevano difendere strenuamente. E ogni intervento era pronunciato come se si parlasse nell’agorà, con profonda cultura e abile retorica, quasi s’indossasse una toga intessuta di dignità. Erano chiamati onorevoli, e volevano, se non proprio esserlo, almeno apparire tali. Poi, con Tangentopoli, con la crisi dei partiti, con il crollo dell’etica pubblica, con la politica ridotta a sopravvivenza, è arrivato il progressivo svilimento. Fino all’ora del dilettante.

Beppe Grillo, senza citare di nuovo il Duce, l’aveva annunciato di voler aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno. I Cinquestelle, con l’aiuto degli alleati leghisti, ci sono riusciti. E l’olio è tracimato nel paese, ungendo e macchiando in maniera indelebile ogni residuo di credibilità.  La campagna contro i vitalizi è stata l’ultimo pretesto per mettere alla gogna gli ex parlamentari indicandoli come inutili e dannosi parassiti. Certo, anche i precedenti governi, in testa quello di Matteo Renzi, avevano ridotto le Camere ad una fabbrica di soli voti di fiducia. E l’allora presidente del consiglio, e segretario del Pd, promosse il referendum che proponeva l’abolizione di uno dei due rami, in nome dell’efficienza decisionale. Fu sconfitto e da quella debacle ha avuto inizio la crisi, personale e del suo partito.

Eppure non si era mai giunti a un punto tanto basso quanto l’attuale, con i deputati impegnati a discutere, a votare e approvare una manovra economica falsa, facendo finta che fosse vera, aspettando le decisioni finali del governo e gli esiti della trattativa con l’Unione europea. Siamo al teatro dell’assurdo, all’attesa di Godot. D’altronde, i grillini esaltano una fantomatica democrazia diretta fatta di clic su incontrollate piattaforme digitali e Matteo Salvini sostiene addirittura di parlare a nome di sessanta milioni di italiani. E allora, che bisogno c’è di un Parlamento? Ci prova un po’ Roberto Fico a difendere l’istituzione che presiede ma la sua voce fuori dal coro non incide sull’immaginario collettivo. E i manipoli bivaccano, lambiti persino da leggende boccaccesche che raccontano di fugaci amori negli ascensori o nei bagni.

Dopo il delitto Matteotti e la scelta da parte dell’opposizione di salire sull’Aventino, l’illusione degli antifascisti era che la questione morale potesse alla fine prevalere sulla violenza e sull’arbitrio. Benedetto Croce era sicuro di un “ineluttabile ritorno al regime liberale". Trionfò la dittatura. La tragedia di ieri si è mutata nella farsa di oggi.

Marco Cianca


19 Dicembre 2018
Powered by Adon