Sul sito del ministero è stato pubblicato l’elenco degli oltre seimila restauratori abilitati alla professione, atteso, sottolineano i sindacati, da oltre 15 anni Restauratori, dopo 15 anni il Mibact pubblica l’elenco

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12
3 4567 8 9
101112131415 16
171819202122 23
24 25 2627 2829 30
31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

RESTAURATORI

Restauratori, dopo 15 anni il Mibact pubblica l’elenco


Correlati

E' stato pubblicato il 28 dicembre 2018, nella sezione del sito del Mibact dedicata alla Direzione Generale Educazione e Ricerca, l`elenco degli abilitati all`esercizio della professione di "restauratore di beni culturali". Si tratta di oltre 6 mila persone tra esperti del restauro storici e quelli che si sono formati attraverso le Scuole di Alta Formazione del Ministero, le Università o le Accademie di Belle Arti.

In particolare, tra i nominativi in elenco ci sono esperti specializzati sulla base dei 6 Percorsi Formativi Professionalizzanti previsti dal D.M. 87/2009:

PFP 1- Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell`architettura.
PFP 2- Manufatti dipinti su supporto ligneo e tessile. Manufatti scolpiti in legno. Arredi e strutture lignee. Manufatti in materiali sintetici lavorati, assemblati e/o dipinti.
PFP 3- Materiali e manufatti tessili e in pelle.
PFP 4- Materiali e manufatti ceramici, vitrei e organici.
Materiali e manufatti in metallo e leghe.
PFP 5- Materiale librario e archivistico. Manufatti cartacei e pergamenacei. Materiale fotografico, cinematografico e digitale.
PFP 6- Strumenti musicali. Strumentazioni e strumenti scientifici e tecnici.

Coloro i quali hanno già ottenuto la qualifica di collaboratore restauratore/tecnico del restauro partecipando all’apposito bando pubblico dell`11 settembre 2014, potranno in futuro sostenere la prova di idoneità per l`acquisizione della qualifica di restauratore di beni culturali prevista dall`articolo 182 del Codice in via transitoria.

"Un atto doveroso che finalmente viene attuato dopo tanti anni d'attesa - ha commentato il Ministro, Alberto Bonisoli -. Il mio auspicio è che, dando la meritata rilevanza a queste professionalità, sia possibile stimolare tanti ragazzi e ragazze a intraprendere questa bellissima professione".

"Dopo quasi 15 anni e lunga ed estenuante lotta, attesa, arrabbiature, vari cambi di ministri e dirigenti al Mibac – ha sottolineato Ermira Behri, segretaria nazionale Fillea Cgil - l'elenco è stato finalmente pubblicato! Lunghi anni che ci hanno sempre visti in prima linea, al fianco dei lavoratori e delle lavoratrici per il riconoscimento della qualifica del restauratore e per il riconoscimento dei loro diritti."

Il 2018 era iniziato "con la nostra mobilitazione unitaria davanti al Mibac e l'incontro con il segretario generale, proseguito con vari incontri, lettera aperta al nuovo ministro e corrispondenza con il Mibac rispetto all'avanzamento dei lavori ed alle varie problematiche emerse e non poteva concludersi in modo migliore" prosegue Behri, che ricorda "sono trascorsi quasi quindici anni dall’avvio della procedura prevista dalla legge e più di tre anni dalla emanazione del Bando Pubblico per l’acquisizione della Qualifica (con Decreto MIBACT, 22 giugno 2015). E in questi anni sono occorse ben cinque proroghe per consentire alla Commissione Esaminatrice di terminare i lavori necessari alla definizione dell'Elenco dei Restauratori Qualificati. Finalmente, gli operatori di questo settore che hanno continuato e continuano a salvaguardare l'immenso patrimonio monumentale, storico ed artistico del nostro paese vedono riconosciute, ufficialmente e per la prima volta, le loro competenze professionali" conclude la segretaria Fillea.

E.G.


09 Gennaio 2019
Powered by Adon