Per il numero uno della Uil bisogna puntare su investimenti in innovazione, ricerca e infrastrutture per invertire la rotta Barbagallo (Uil), il calo della produzione industriale è un segnale preoccupante

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
234567 8
91011121314 15
161718192021 22
23 2425 262728 29
30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Barbagallo (Uil), il calo della produzione industriale è un segnale preoccupante


“Il calo della produzione industriale, in Italia come in Europa, è un preoccupante campanello d’allarme. E’ l’economia continentale a segnare il passo, prova evidente che la politica d’austerità, voluta in alcuni ambienti europei, continua a fare danni: fino a quando non si punterà in modo deciso su investimenti in innovazione, ricerca e infrastrutture, non sarà possibile costruire un modello di sviluppo strutturato e duraturo”. Lo dichiara in una nota il segretario generale della Uil Carmelo Barbagallo.

“In questo quadro, anche un allargamento dei mercati può rappresentare un’opportunità di crescita per il sistema industriale. C’è, infine, il problema della riduzione delle tasse a lavoratori dipendenti e a pensionati: se queste categorie non hanno le risorse necessarie per acquistare i beni e i servizi prodotti per il mercato interno, l’industria nazionale stenterà a risollevarsi”, conclude Barbagallo.

TN


11 Gennaio 2019
Powered by Adon