Come Cisl, ha sottolineato il segretario confederale della Cisl, Andrea Cuccello, “rimaniamo letteralmente sconcertati davanti all’ approssimazione con cui è gestita la delicata questione della Tav” Tav, Cuccello (Cisl): sconcertati davanti ad approssimazione analisi costi- benefici

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
234567 8
91011121314 15
161718192021 22
23 2425 262728 29
30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

INFRASTRUTTURE

Tav, Cuccello (Cisl): sconcertati davanti ad approssimazione analisi costi- benefici


“Come Cisl, ha sottolineato il segretario confederale della Cisl, Andrea Cuccello, rimaniamo letteralmente sconcertati davanti all’ approssimazione con cui è gestita la delicata questione della Tav.E’ stucchevole questo continuo rimpallo di responsabilità, anche perché a noi risulta che l'analisi era già stata fatta".

“Nella gestione del rapporto analisi costi-benefici, infatti- continua Cuccello- non vediamo chiarezza rispetto ad un’opera che la Cisl considera strategica per lo sviluppo del Paese con indubbie ricadute occupazionali che il settore dell’ edilizia ormai da tempo richiede. E’ in gioco anche la credibilità internazionale del nostro paese, con gli inevitabili costi economici che comporterebbe lo stop a questa importante opera infrastrutturale, oltre che la capacità di attrarre investimenti produttivi utili all’occupazione ed allo sviluppo.”

“Da non dimenticare poi – prosegue il segretario - l'importanza di trasferire il trasporto merci dalla gomma al ferro e le opportunità per lo sviluppo delle attività della logistica del porto di Genova e degli interporti della pianura Padana. Se i lavori si fermassero, poi, dovremmo pagare all' Unione Europea penali pesanti e dovremmo valutare i costi del ripristino del territorio per le opere propedeutiche già realizzate.”

“Ecco perché  - prosegue - riteniamo che il Governo, per mettere davvero al centro della sua azione la crescita economica e sociale del Paese, debba puntare concretamente sulla creazione di nuovi posti di lavoro e che la Tav, sotto questo punto di vista, possa essere di sicuro un grande volano per la ripresa e lo sviluppo. Ricordiamo, infatti, che l’asse è fondamentale per il collegamento che va da Kiev a Lisbona e che è miope e fuori dalla storia non capire l’importanza strategica che il proseguimento dell’ opera ha per l’Italia e nello specifico per l’economia dell’ intero sistema e non solo per quel singolo, specifico, quadrante”.

“Ricordiamo al Ministro Toninelli- conclude Cuccello- i drammatici dati del settore edile che negli ultimi 10 anni ha perso oltre 600mila posti di lavoro, visto la chiusura di 120 mila imprese con quasi 4 punti di Pil in meno. Buona parte di questi lavoratori potrebbero avere la possibilità di trovare un impiego certo proprio all’ interno della stessa Torino-Lione”.

e.g.


11 Gennaio 2019
Powered by Adon