Le due organizzazioni sindacali stanno preparando un ricorso alla magistratura Confsal e Fials, la flat tax crea disparità tra lavoratori pubblici e privati

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3
45 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 2829 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

PUBBLICO IMPIEGO

Confsal e Fials, la flat tax crea disparità tra lavoratori pubblici e privati


Massimo Battaglia e Giuseppe Carbone, segretari generali delle federazioni Confsal-UNSA (funzioni centrali) e FIALS (sanità) dichiarano: “Stiamo preparando un massiccio ricorso davanti alla magistratura contro una evidente disparità di trattamento tra chi, da dipendente pubblico o privato paga le tasse sul proprio reddito, chi al 24%, al 27% o al 38%, e chi – in virtù della flat tax- pagherebbe fino a 65mila euro solo il 15%”.

“Per noi questo è inaccettabile. Il sindacato si muove per contrastare questa grave ingiustizia commessa dal governo, che danneggia ancora una volta il lavoro dipendente, seppure da sempre puntuale contribuente: le nostre strutture a breve incominceranno la raccolta dei mandati agli avvocati”.

Battaglia e Carbone aggiungono: “I lavoratori potranno aderire al ricorso indipendentemente dall’iscrizione al sindacato perché questa è una grande battaglia di civiltà sociale e costituzionale”.

“Al governo chiediamo”, concludono i segretari generali di UNSA e FIALS, “di cambiare immediatamente rotta e di non coltivare le divisioni nel Paese. La riduzione delle imposte non può essere selettiva, ma deve venire incontro alle necessità primarie delle fasce sociali e dei lavoratori che più ne hanno bisogno”.

TN


06 Febbraio 2019
Powered by Adon