Per il sindacato di Corso d’Italia, il governo deve mettere mano a una situazione sempre più difficile, smettendola con l’inutile ottimismo Industria, Cgil: quadro fosco, servono investimenti e innovazione

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345 6
789101112 13
1415161718 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Industria, Cgil: quadro fosco, servono investimenti e innovazione


“Il 2018 si è chiuso con un pesante calo della produzione industriale e le previsioni per il 2019 non sono positive. Un quadro fosco che conferma l'entrata in recessione del Paese con prevedibili e pesanti ripercussioni sul sistema produttivo e sull'occupazione”. Così la Cgil Nazionale commenta i dati diffusi quest’oggi dall’Istat.

“Quanto rilevato dall’Istituto Nazionale di Statistica - sottolinea la Confederazione - contraddice clamorosamente le incaute affermazioni sia del Presidente del Consiglio che del ministro dello Sviluppo economico circa una presunta ripresa dell’Italia. Si abbandonino i falsi ottimismi e si metta mano ad una situazione che rischia di presentare un conto assai grave in termini di possibili e ulteriori perdite di posti di lavoro e del perdurare di un declino della manifattura italiana”.

In particolare, si legge nella nota “occorre: una nuova politica industriale fondata su investimenti e innovazione; risolvere rapidamente i casi di crisi aziendali aperti; rivedere il sistema di ammortizzatori sociali messo in discussione dalle scelte dei precedenti governi, così come chiediamo in un protocollo d’intesa sottoscritto insieme a Cisl, Uil e Confindustria. Inoltre, servirebbe ripensare ed evitare di mettere in atto misure sbagliate come quelle sull'auto, che rappresenta il settore che oggi segna la caduta più grave”.

“Anche per queste ragioni domani saremo in piazza a Roma per una grande manifestazione nazionale unitaria. Al Governo chiediamo l'apertura di un confronto vero e serrato su questi temi, in assenza - conclude la Cgil - assumeremo tutte le iniziative per rimettere al centro il futuro dell'industria italiana e la difesa dell'occupazione”.

TN


08 Febbraio 2019
Powered by Adon