Il segretario generale della Cgil si dice preoccupato per i riflessi delle politiche internazionali sulle prospettive della compagnia Alitalia: Malorgio (Filt Cgil) da Di Maio ora atti concreti

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345 6
7 8910111213
141516171819 20
21222324252627
28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

TRASPORTO AEREO

Alitalia: Malorgio (Filt Cgil) da Di Maio ora atti concreti


“Dal ministro Di Maio ci attendiamo atti concreti e non, ancora una volta, solo dichiarazioni di intenti”. A sostenerlo è il segretario generale della Filt Cgil Stefano Malorgio, in vista della riunione, convocata al Ministero dello Sviluppo Economico dal Ministro Di Maio su Alitalia, il prossimo 14 febbraio, aggiungendo che “anche alla luce delle indiscrezioni, riguardanti la decisione di Air France di sfilarsi da un possibile coinvolgimento nella nuova compagine azionaria, vogliamo sapere quale sarà la proprietà, quale il partner straniero e soprattutto come si intende salvaguardare tutti i posti di lavoro”.

“In occasione dell’ultimo incontro dello scorso dicembre - ricorda Malorgio - Di Maio aveva affermato come l’operazione Alitalia potesse rappresentare un’opportunità per rilanciare la compagnia, non solo per salvarla. Invece dalle notizie che apprendiamo, finora non smentite dal Governo, il solo salvataggio sembra un obiettivo ancora lontano e le recenti azioni di politica internazionale rischiano di avere ripercussioni pesanti sulla vita dei lavoratori, anche di Alitalia”.

“Al Ministro - prosegue il segretario generale della Filt - ribadiremo la nostra esigenza che l’azienda venga rilanciata per intero, senza lo spezzatino delle attività, e che vengano salvaguardati tutti i livelli occupazionali, una condizione che, dalle notizie, sembra alquanto complicata da mettere in campo. Una seria e solida ristrutturazione di Alitalia può essere fatta - afferma infine Malorgio - solo attraverso un piano industriale di sviluppo delle attività che preveda investimenti concreti”.

TN


08 Febbraio 2019
Powered by Adon