Lo stato di agitazione è stato annunciato unitariamente da Fim, Fiom e Uilm dopo l’annuncio dell’azienda di 833 esuberi Sirti, sindacati: al via le giornate di lotta contro i licenziamenti

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1234
567891011
121314151617 18
1920212223 24 25
2627 28293031

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

TLC

Sirti, sindacati: al via le giornate di lotta contro i licenziamenti


“Iniziano oggi le “giornate della lotta” dei lavoratori del gruppo Sirti, e proseguiranno domani - a Roma ci saranno i coordinatori nazionali di Fim, Fiom e Uilm - e mercoledì in tutti gli altri siti”. Lo dichiarano in una nota Roberta Turi, responsabile nazionale, e Pietro Locatelli, coordinatore nazionale Fiom per il gruppo Sirti.

“Una prima, importante, reazione corale e compatta al piano di licenziamenti annunciati da Sirti e da Assolombarda, ai quali chiediamo nuovamente di non procedere con l’apertura della procedura, bensì con un tavolo di crisi permanente a tutti i livelli, sindacale in primis, ma anche istituzionale presso il governo”.

“Con 833 esuberi dichiarati – spiegano i sindacalisti - sul territorio nazionale, Sirti si colloca drammaticamente tra le vertenze a maggiore impatto occupazionale nel paese. È necessaria una rapida e decisa presa di posizione da parte del governo, che non può ignorare il ruolo strategico che il settore delle telecomunicazioni ricopre per il paese.

“Una vertenza che incombe su tutti gli attori presenti nel settore, a cominciare da Tim e Open Fiber, principali committenti di Sirti e oggettivamente parti in causa. Pertanto, per portare all’attenzione di tutti le ragioni della nostra protesta, la nostra mobilitazione continuerà in maniera crescente e vigorosa, ma sempre in modo civile, democratico e soprattutto alla luce del sole. La nostra mobilitazione – concludono - sarà sempre a viso aperto, senza sconti per nessuno, a muso duro come si conviene, fino alla soluzione positiva di questa delicata vertenza”

TN.


18 Febbraio 2019
Powered by Adon