L’obiettivo è quello di dare risposte ai bisogni di imprese e lavoratori Confsal e Cifa, nasce Sanarcom, fondo di sanità integrativa

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12
3 4567 8 9
101112131415 16
171819202122 23
2425 26272829 30
31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

WELFARE

Confsal e Cifa, nasce Sanarcom, fondo di sanità integrativa


In un contesto di cronica crisi del welfare pubblico, le parti sociali sono chiamate a sopperire con politiche e misure di welfare più efficaci e vicine ai lavoratori: le prestazioni socio-sanitarie sono le più richieste.

Nasce così Sanarcom, il primo fondo di assistenza sanitaria integrativa delle organizzazioni datoriali e sindacali autonomi. Lo hanno costituito la parte datoriale Cifa (Confederazione italiana federazioni autonome) e quella sindacale Confsal (Confederazione generale dei sindacati autonomi dei lavoratori), in attuazione dell’accordo interconfederale sottoscritto il 26 luglio 2016. L’assistenza sanitaria integrativa rappresenta un obbligo contrattuale per i datori di lavoro che sottoscrivano i Ccnl Cifa-Confsal. Ma a Sanarcom possono aderire liberamente anche tutte le aziende appartenenti ad altri settori e/o che applichino altri Ccnl.

Il partner assicurativo del nuovo fondo è RBM AssicurazioneSalute, compagnia leader nel campo dell’assicurazione sanitaria anche in termini di ampiezza del network delle strutture convenzionate.

Il bacino interessato è vastissimo, ma a poco tempo dal debutto Sanarcom conta già su un’ottima accoglienza. I beneficiari sono tutti i lavoratori a tempo pieno o parziale, a tempo indeterminato, gli apprendisti, nonché i quadri e i dirigenti. Si aggiungono anche i lavoratori a termine, con durata del contratto superiore ai 3 mesi.

Tra i punti di forza del nuovo fondo di assistenza sanitaria: nessun periodo di carenza; l’ampia gamma di prestazioni (sanità, maternità, lenti e occhiali, fisioterapia, agopuntura, presidi e ausili medici e ortopedici, invalidità); la possibilità di estendere la polizza al nucleo familiare; rimborsi e contributi anche in caso di ricorso a strutture o a personale non convenzionato.

Tuttavia il punto di forza maggiore è il costo delle prestazioni. Il contributo è di soli 12 euro al mese (polizza base pagata dal datore di lavoro per 10 euro e dal lavoratore per 2 euro), quindi di 144 euro annuali. Rispetto ad altri fondi di assistenza sanitaria integrativa, Sanarcom è decisamente migliorativo sia per il costo sia per le prestazioni.

Per Salvatore Vigorini (membro Cda del Fondo): “Sanarcom rappresenta il tassello della già strutturata bilateralità di Cifa e Confsal, sempre più orientata a sostenere i bisogni  emergenti di imprese e lavoratori. Con Sanarcom si dà attuazione a un modello di relazioni sindacali e contrattazione collettiva che mette al centro il lavoratore, sostenendolo nella dimensione lavorativa e anche in quella sociale.

TN


11 Marzo 2019
Powered by Adon