Così il segretario generale aggiunto della Cisl nel commentare i dati sull’occupazione diffusi oggi dall’Istat Sbarra (Cisl), permane il grave fenomeno della disoccupazione giovanile e meridionale

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12
3 4567 8 9
101112131415 16
171819202122 23
2425 26272829 30
31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

Sbarra (Cisl), permane il grave fenomeno della disoccupazione giovanile e meridionale


 “I dati Istat di oggi che completano il quadro sul mercato del lavoro italiano nel 2018 svelano due tendenze a nostro avviso molto preoccupanti, il calo degli occupati nell’ultima parte dell’anno dopo diversi trimestri di crescita ed il fatto che le politiche sul lavoro non intaccano il grave fenomeno della disoccupazione giovanile e meridionale". Così dichiara Luigi Sbarra, Segretario generale aggiunto Cisl a seguito della pubblicazione da parte di Istat dei dati conclusivi sull’andamento del mercato del lavoro nel nostro paese.

 "Non solo si è bloccata la crescita pur lenta dell’occupazione dipendente– prosegue il sindacalista – ma restano inalterate alcune tendenze che la Cisl da tempo denuncia e che nessuna politica pubblica sta affrontando: i lavoratori a termine sono il 17% dei dipendenti e oltre il 13% del totale degli occupati, nonostante una lieve riduzione tra fine 2018 e inizio 2019, crescono le assunzioni a part time involontario e addirittura nel Mezzogiorno quote crescenti di giovani disoccupati transitano verso la totale inattività". “La Cisl  a partire dall’incontro di oggi con il Ministro Di Maio chiede al Governo un forte cambio di passo nella impostazione della politica economica con interventi e provvedimenti capaci di contrastare il rallentamento dell’occupazione e ad aggredirne i punti di sofferenza con nuove politiche pubbliche condivise e sostenute da azioni coerenti delle parti sociali".“ Il Governo non può   – conclude Sbarra –  continuare a concentrarsi , in modo isolato,  sulle due  misure definite dal contratto di governo (Reddito di cittadinanza e quota 100) ma deve  dare priorità ad  un piano più vasto di inserimento lavorativo dei giovani, di politiche attive e di investimenti, unica vera  condizione  per rilanciare nei fatti l’occupazione.

TN


13 Marzo 2019
Powered by Adon