Il prossimo mercoledì la Corte Costituzionale si esprimerà in merito al ricorso presentato dall’Unsa sul fatto che i lavoratori pubblici, diversamente da altri settori, debbano aspettare fino a 51 mesi la loro liquidazione al momento del pensionamento Confsal-Unsa, mercoledì 17 la sentenza relativa al Tfr dei lavoratori pubblici

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345 6
789101112 13
1415161718 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

PUBBLICO IMPIEGO

Confsal-Unsa, mercoledì 17 la sentenza relativa al Tfr dei lavoratori pubblici


La mattina di mercoledì 17 aprile, presso la Corte Costituzionale, si svolgerà la tanto attesa udienza relativa al TFR/TFS dei lavoratori del pubblico impiego, a oggi costretti ad attendere la loro liquidazione fino a 51 mesi dal momento del pensionamento.

Le norme vigenti prevedono che – diversamente da quanto accade per i lavoratori del settore privato - i lavoratori pubblici, una volta in pensione, debbano aspettare la prima tranche del loro TFR (fino a 50 mila euro) per 15 mesi, in caso di pensione di vecchiaia, e per 27 mesi, in caso di pensione anticipata. La seconda tranche (che copre la parte eccedente, fino a 100mila euro) viene versata dopo ulteriori 12 mesi. Nel caso in cui il TFR superi i 100mila euro lordi, la terza rata verrà versata dopo altri 12 mesi.

Il sindacato Confsal-UNSA, rappresentativo dei lavoratori delle Funzioni centrali (Ministeri, Agenzie fiscali, Inps, Inail, Enti parco, Ordini professionali) e già protagonista del ricorso che quattro anni fa sbloccò la contrattazione nel pubblico impiego con la sentenza della Corte n. 178/15, aveva presentato - attraverso una propria iscritta - il ricorso ora all’attenzione della Corte. All’udienza sarà presente il segretario generale del sindacato, Massimo Battaglia.

TN


12 Aprile 2019
Powered by Adon