Per l'ex segretario del Pd va approfondita la proposta del giurista Alleva Maurizio Martina (Pd) apre al confronto sulla riduzione d'orario

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
234567 8
91011121314 15
161718192021 22
23 2425 262728 29
30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

Maurizio Martina (Pd) apre al confronto sulla riduzione d'orario


"Sono a favore di un confronto serio sulle possibili vie per sperimentare una riduzione dell'orario di lavoro. Non mi faccio affascinare in modo semplicistico dall'ultima intervista di giornata, ma vorrei si riflettesse sul tema provando a ragionare nel merito. Noi ci abbiamo provato anche recentemente nella nostra mozione 'Fianco a fianco' per il congresso PD". Così Maurizio Martina, in un post sulla sua pagina Facebook.

"Oggi in Italia - aggiunge Martina - chi lavora lo fa per molte ore in più che nella media dei paesi europei. Un lavoratore italiano lavora circa venti ore al mese in più di un collega tedesco. La ragione: da noi gli straordinari non solo sono previsti, ma anche incentivati attraverso forme di detassazione (con un'imposta sostitutiva del 10 percento). In Germania gli straordinari sono fortemente disincentivati: non possono essere superate le 8 ore di lavoro al giorno; in alcuni casi eccezionali si può arrivare alle 10 ore ma solo se in un arco di sei mesi le ore lavorate medie rimangono sempre 8. Per questo introdurre per legge un tetto di ore al mese sul modello tedesco, così da favorire nuova occupazione e un maggiore equilibrio tra tempi di vita e tempi di lavoro non sarebbe un errore oggi".

"E penso sia molto sfidante la proposta che ha rilanciato Piergiorgio Alleva in queste ore di utilizzare al meglio il 'contratto di solidarietà espansiva' già previsto dalla Legge, mettendo in questo caso potenzialmente in gioco in modo virtuoso - conclude l'ex segretario del Pd - risorse pubbliche per compensare il taglio dei stipendi e assegnando proprio alla contrattazione tra le parti un ruolo decisivo".


12 Aprile 2019
Powered by Adon