Fim, Fiom e Uilm chiedono all’azienda di mettere in sicurezza il destino occupazionale dei lavoratori e un’applicazione equa e solidale dei contratti di solidarietà per contenere gli effetti economici derivanti dalla riduzione dell’orario di lavoro Sirti, la vertenza approda al ministero

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
123456 7
8 9 10 111213 14
15 1617 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

TLC

Sirti, la vertenza approda al ministero


La vertenza Sirti, dopo il mancato accordo tra le parti al termine dei primi 45 giorni di intenso confronto in sede sindacale, approda al ministero del Lavoro. La convocazione è per giovedì 18 aprile alle ore 11.

“Siamo soddisfatti della rapida convocazione da parte del ministero, cui esprimeremo compiutamente le difficoltà che, al momento, impediscono la realizzazione di un’intesa, chiedendo al Governo un aiuto esplicito verso la soluzione positiva della vertenza.” Lo dichiarano in una nota Marco Giglio, Pietro Locatelli e Michele Paliani, coordinatori nazionali Fim, Fiom, Uilm Sirti.

“Per Fim, Fiom e Uilm è urgente mettere in sicurezza il destino occupazionale e lavorativo, presente e futuro, di tutte le lavoratrici e i lavoratori di Sirti. Per questo chiediamo all’azienda di evidenziare il tenore degli incentivi economici per quanti potranno essere accompagnati alla pensione, come avvenuto nella vertenza analoga – ex Wind – conclusasi positivamente nel novembre scorso.”

“Chiediamo inoltre un’applicazione equa e solidale dei contratti di solidarietà per contenere gli effetti economici derivanti dalla riduzione dell’orario di lavoro. Per questo, la nostra richiesta è che i cds non solo siano applicati a tutti gli addetti all’interno della divisione 'telco' ma anche, in quota parte solidaristica, alle colleghe e ai colleghi delle altre divisioni merceologiche.”

“A sostegno delle suddette rivendicazioni, dirimenti per la definizione positiva dell’intesa, i lavoratori dei siti delle regioni centrali (Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Marche, Toscane e Umbria) saranno il 18 aprile in presidio sotto il ministero del Lavoro. Mentre, nelle altre realtà territoriali, si terranno presìdi, assemblee e manifestazioni a livello locale, dal 15 al 19 aprile, per sostenere la 'lotta per la solidarietà'.”

“Andiamo al ministero con le idee chiare, con l’intenzione di percorrere l’ultimo miglio e di realizzare una buona intesa per le lavoratrici e i lavoratori di Sirti. Ci auguriamo che il Governo ci dia una mano e sopratutto che l’azienda sia sulla stessa lunghezza d’onda”.

TN


15 Aprile 2019
Powered by Adon