Riguardo alle voci di una possibile vendita dell’azienda che fa parte del gruppo Auchan, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs hanno indetto, nel corso delle festività, una serie di scioperi per fare chiarezza sulle sorti dei 260 negozi dove lavorano 8mila dipendenti Simply Sma, sindacati: due settimane di scioperi per fare luce sul futuro dell’azienda

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345 6
7 8910111213
141516171819 20
21222324252627
28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

COMMERCIO

Simply Sma, sindacati: due settimane di scioperi per fare luce sul futuro dell’azienda


Scioperi articolati a ridosso delle festività di Pasqua, del 25 aprile e del 1° maggio: è questa la risposta che Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs hanno messo in campo per rompere il muro di silenzio che circonda le sorti di SMA Simply, azienda della distribuzione moderna e organizzata, di proprietà del gruppo Auchan, che in Italia è presente con 260 negozi e più di un migliaio di franchising.

Da mesi si rincorrono voci di presunte e misteriose trattative con altri gruppi (a partire da Conad) per la cessione di parti o della totalità della rete vendita, senza che la proprietà abbia mai ufficialmente smentito o confermato. Da mesi gli 8000 lavoratrici e lavoratori vivono nell'incertezza e nella preoccupazione, non sapendo cosa sarà del loro posto di lavoro. Seppur sollecitata ripetutamente dal sindacato e anche dal Ministero dello Sviluppo, l'azienda non offre risposte, dimostrando oltre che scarsa sensibilità, anche di essere in un allarmante stato confusionale. Alla vigilia di Pasqua, hanno incrociato le braccia per l'intera giornata i lavoratori del Veneto, della provincia di Roma, di Perugia e Piacenza: buona l'adesione con punti vendita chiusi e disagi per i clienti. In questi giorni sciopereranno la Lombardia, le Marche, la Sicilia ove le voci di dismissione di pressoché tutti i 33 negozi presenti sono particolarmente insistenti. Il sindacato rivendica innanzitutto chiarezza, trasparenza e un tavolo di confronto serio per affrontare le ricadute sulla occupazione delle scelte aziendali.

TN


23 Aprile 2019
Powered by Adon