I Cobas confermano lo sciopero della scuola per il 17 maggio "contro la regionalizzazione dell'istruzione, ma anche per un contratto con aumenti salariali che recuperino almeno il 20% di salario reale perso negli ultimi anni” Scuola, Cobas confermano lo sciopero generale per il 17 maggio

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1234
567891011
121314151617 18
1920212223 24 25
2627 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ISTRUZIONE

Scuola, Cobas confermano lo sciopero generale per il 17 maggio


I Cobas confermano lo sciopero della scuola per il 17 maggio "contro la regionalizzazione dell'istruzione, ma anche per un contratto con aumenti salariali che recuperino almeno il 20% di salario reale perso negli ultimi anni; per l'assunzione di tutti i precari con 36 mesi di servizio; per l'aumento degli organici ATA; per dire no all'Invalsi come strumento di valutazione delle scuole, dei docenti e degli studenti, inseguendo la disastrosa 'didattica delle competenze', e no ai sorteggi che ridicolizzano l'Esame di Stato".

"I sindacati-scuola della Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda - ricorda Piero Bernocchi portavoce nazionale COBAS - hanno accettato il pacchetto di fuffa propinato loro dal presidente del Consiglio Conte ed hanno revocato lo sciopero indetto insieme a noi e ad altri sindacati per il 17 maggio. Particolarmente clamorosa è stata l'accettazione da parte dei Cinque delle promesse sul punto fondamentale dello sciopero, la regionalizzazione. Fuffa totale è anche il punto sulla vicenda contrattuale e salariale. Fuffa al 100% anche per gli ATA, niente sulla carenza degli organici, niente sui sovraccarichi di lavoro, sugli stipendi da fame, sugli orari e sulle mansioni, ma solo una promessa di ulteriore gerarchizzazione, in particolare verso i DSGA. L'unico punto dove lo sforzo truffaldino è un po' più sofisticato è quello riguardante la stabilizzazione dei precari, laddove si promettono in futuro percorsi privilegiati per chi ha i 36 mesi di insegnamento, ma per il qui ed ora si parla solo di concorsi 'riservati selettivi', ben sapendo che percorsi del genere 'selettivi' sono già stati attivati per i prossimi mesi.

"Invitiamo a scioperare con noi anche gli iscritti dei Cinque davvero intenzionati a battersi contro la distruttiva regionalizzazione, oltre che per un contratto con consistenti recuperi salariali e per l'assunzione stabile di tutti i precari.
Nella stessa giornata, insieme ad altre organizzazioni che hanno mantenuto lo sciopero per il 17 maggio e ad associazioni che si battono contro la regionalizzazione, effettueremo una manifestazione nazionale a Roma a Montecitorio, di fronte al Parlamento a partire dalle ore 10. Manifestazioni regionali si terranno a Bologna e a Napoli", conclude Bernocchi.

e.g.


02 Maggio 2019
Powered by Adon