Così il segretario generale Massimo Masi dopo l’uscita del fondo Blackrock per l’acquisizione della banca genovese Carige, la Uilca esprime forte preoccupazione

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345 6
7 8910111213
141516171819 20
21 22 2324 2526 27
28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

CREDITO

Carige, la Uilca esprime forte preoccupazione


La Uilca esprime forte preoccupazione per quello che è avvenuto stanotte circa la situazione di Carige. Il fondo “ha ritenuto di non dare ulteriore corso alla sua iniziale manifestazione di interesse” comunicano i Commissari della banca. “Proseguono le valutazioni riguardanti ulteriori soluzioni di mercato finalizzate ad assicurare stabilità e rilancio di Banca Carige - si aggiunge - Restano, in ogni caso, ferme le previsioni del titolo II del DL 8 gennaio 2019 che consentono l’eventuale avvio dell’iter per la richiesta di ricapitalizzazione precauzionale al Ministero dell’Economia”.

La scadenza fissata dalla Bce per la presentazione delle offerte, già rinviata di un mese, è il 17 maggio. “Chiediamo che la Bce conceda più tempo per cercare un partner” - le dichiarazioni del Segretario Generale Uilca Massimo Masi- e chiediamo un forte intervento del Governo che ieri si era dichiarato favorevole, viste le dichiarazioni del Ministro Di Maio, alla soluzione BlackRock. “Nel caso in cui non si trovi altra soluzione invitiamo il Governo ad attuare lo stesso schema di risoluzione delle Banche Venete”.

“Intervento- continua Masi- che deve servire però a mettere in sicurezza Carige per salvaguardare gli interessi della Clientela, il posto di lavoro delle Lavoratrici e dei Lavoratori e l’economia delle zone in cui è presente la Banca.  Ci impegneremo anche nel caso di nazionalizzazione perché Carige non perda la caratteristica di Banca locale legata al territorio e affinché non venga smembrata e trasformate in una Banca di investimenti statali”.

“Appare evidente che così non si può continuare. Come Uilca siamo scandalizzati dalle ultime notizie. Continuiamo a ribadire che queste operazioni si legano a doppio filo alla vita e al benessere delle Lavoratrici e dei Lavoratori di Carige, che continuano a pagare colpe e responsabilità in alcun modo imputabili a loro. Tirarsi indietro all’ultimo minuto senza rilasciare alcuna dichiarazione è un gesto irresponsabile e irrispettoso soprattutto verso i Dipendenti della Banca. Ci avevamo visto lungo a non ipotizzare l’incontro con BlackRock e continueremo a misurarci sul merito delle questioni e nelle tempistiche più adeguate, come abbiamo sempre fatto”.

Domani la Uilca nel Convegno “Liguria porta d’Europa, ruolo chiave di Carige”, che si terrà a Genova, avanzerà delle proposte a tutela delle Lavoratrici e dei Lavoratori di Carige. “Saremo in prima linea anche per valutare le eventuali ricollocazioni di quasi 4000 dipendenti, soprattutto quelli delle zone territoriali lontani da Genova (Piemonte, Lombardia, Sicilia, Lazio, solo per citarne alcune)” - conclude Masi.

Al Convegno di domani parteciperanno: il sindaco di Genova Marco Bucci, il presidente della Regione Giovanni Toti, l’economista Marcello Minenna, il presidente di Confindustria della Liguria Giovanni Mondini, il professore dell’Università degli studi di Genova Giovanni Battista Pittaluga, il giornalista Fabrizio Massaro, oltre naturalmente al Segretario Generale della Uil Carmelo Barbagallo. I lavori saranno coordinati da Andrea Cabrini di Class CNBC.

TN


09 Maggio 2019
Powered by Adon