A 41 anni dalla sua morte, afferma il sindacato, i suoi insegnamenti, il suo pensiero politico e morale, rimangono ancora attuali Moro: Cgil, uomo del dialogo con grandi capacità di mediazione e di ascolto

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345 6
7 8910111213
141516171819 20
21 22 2324 2526 27
28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

9 MAGGIO

Moro: Cgil, uomo del dialogo con grandi capacità di mediazione e di ascolto


A quarantuno anni dal ritrovamento del suo corpo, la Cgil ricorda con una nota la figura di Aldo Moro. “Un uomo colto, un europeista, un grande statista, dotato di grandi capacità intellettuali e politiche, che con la sua visione politica ha segnato profondamente la storia politica del nostro Paese, pagando con la vita l’impegno per il dialogo e il rinnovamento della società italiana”.

“Aldo Moro – prosegue la nota del sindacato guidato da Maurizio Landini – era un uomo attento alle trasformazioni in atto, alle nuove domande che si muovevano all’interno della società. Un uomo del dialogo, con grandi capacità di mediazione e di ascolto, che ha sempre provato a trovare soluzioni positive a situazioni politiche particolarmente complesse”.

A distanza di quarantuno anni dalla morte di Aldo Moro – conclude la nota della Cgil – i suoi insegnamenti, il suo pensiero politico e morale, rimangono ancora attuali e devono rappresentare per tutte le forze politiche, in una fase complessa come quella attuale, un invito a mettere al centro del loro impegno il bene comune”.

TN


09 Maggio 2019
Powered by Adon