Secondo l’istituto di statistica si regista un calo annuo del 3,3%. In controtendenza il commercio elettronico, con un +11,1% sull’anno Istat: a marzo le vendite al dettaglio calano dello 0,3%

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345 6
7 8910111213
141516171819 20
21 22 2324 2526 27
28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

ECONOMIA

Istat: a marzo le vendite al dettaglio calano dello 0,3%


Correlati

A marzo 2019 si stima, per le vendite al dettaglio, una diminuzione congiunturale dello 0,3% in valore e dello 0,2% in volume. In calo sia le vendite dei beni alimentari (-0,5% in valore e -0,3% in volume) sia, con intensità minore, quelle dei prodotti non alimentari (-0,2% in valore e -0,1% in volume). Lo ha reso noto l'Istat.

Su base annua, le vendite al dettaglio diminuiscono del 3,3% in valore e del 3,7% in volume. La flessione complessiva è dovuta soprattutto all'andamento dei beni alimentari (-6,4% in valore e -7,3% in volume), mentre si registra una flessione più contenuta per le vendite dei beni non alimentari (-0,5% in valore e -0,2% in volume).

Nel complesso del primo trimestre le vendite al dettaglio registrano un aumento dello 0,2%, in valore e in volume, rispetto ai tre mesi precedenti. Le vendite di beni alimentari crescono dello 0,2% in valore mentre restano stazionarie in volume, quelle di beni non alimentari aumentano dello 0,2% sia in valore sia in volume.

Per quanto riguarda le vendite di beni non alimentari, l'aumento tendenziale maggiore riguarda il gruppo di prodotti Calzature e articoli in cuoio e da viaggio (+5,0%). Le flessioni più marcate si registrano per Cartoleria, libri, giornali e riviste (-4,6%) ed Elettrodomestici, radio, tv e registratori (-4,2%).

Rispetto a marzo 2018, il valore delle vendite al dettaglio registra una diminuzione sia per la grande distribuzione (-5%) sia per le imprese operanti su piccole superfici (-2,2%). In crescita il commercio elettronico (+11,1%).

Secondo l'Istat "il calo tendenziale delle vendite al dettaglio registrato a marzo 2019 risente in misura rilevante della diversa collocazione delle vendite di prodotti alimentari legate alle festività pasquali; nel 2018, infatti, tali vendite si sono concentrate nel mese di marzo, mentre quest'anno hanno avuto luogo ad aprile. Questo ha influenzato negativamente soprattutto la dinamica tendenziale della grande distribuzione alimentare (-7,1%)".

L'effetto della differente collocazione delle festività pasquali "non condiziona, invece, la dinamica congiunturale, che risulta in lieve flessione sia a livello generale sia per le due principali componenti (prodotti alimentari e non alimentari)".

TN


10 Maggio 2019
Powered by Adon