Così i tre sindacati confederali sull’interdittiva antimafia che ha predisposto la Prefettura di Genova nei confronti di una ditta che effettuava in subappalto alcuni lavori per la ricostruzione del ponte Morandi Cgil, Cisl e Uil: mai abbassare la guardia con la corruzione e le mafie

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1234
567891011
121314151617 18
1920212223 24 25
2627 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

PONTE MORANDI

Cgil, Cisl e Uil: mai abbassare la guardia con la corruzione e le mafie


L’interdittiva antimafia che ha predisposto la Prefettura di Genova nei confronti di una ditta che effettuava in subappalto alcuni lavori per la ricostruzione del ponte Morandi, rappresenta la dimostrazione evidente che è un errore abbassare la guardia nell’azione di contrasto alla corruzione e alle mafie nel sistema degli appalti pubblici, così come il Governo sta facendo attraverso lo stravolgimento del Codice.

Proprio sottolineando il rischio di come lo sblocca-cantieri, attualmente al vaglio delle commissioni parlamentari, allargherà le falle delle infiltrazioni illegali nel sistema degli appalti, CGIL CISL e UIL nei giorni scorsi hanno chiesto un’audizione presso la commissione antimafia, affinché sia affrontata la questione sul versante che maggiormente preoccupa e, cioè, l’ulteriore facilitazione per la criminalità di allungare i propri tentacoli sugli appalti pubblici.

TN


14 Maggio 2019
Powered by Adon