Per il segretario generale del sindacato dei trasporti della Cisl è necessario aprire un confronto con il ministero per affrontare le criticità del settore Pellecchia (Fit-Cisl): i cittadini meritano un trasporto pubblico adeguato

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1234
567891011
121314151617 18
1920212223 24 25
2627 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

TRASPORTO

Pellecchia (Fit-Cisl): i cittadini meritano un trasporto pubblico adeguato


Si è svolto oggi davanti al Ministero dei Trasporti il presidio dei lavoratori del trasporto pubblico locale, a cui hanno partecipato circa mille persone.

Spiega Salvatore Pellecchia, Segretario generale della Fit-Cisl: “È necessario aprire un confronto con il Ministero dei Trasporti per risolvere le criticità del settore, che rischiano di diventare croniche.

I cittadini meritano un trasporto pubblico locale adeguato, efficiente ed efficace, ma i continui tagli ai finanziamenti del settore non lo rendono possibile: al momento sono paventati tagli per 300 milioni di euro al Fondo nazionale trasporti e per 50 milioni di euro destinati alla copertura degli oneri malattia.

Le emissioni inquinanti, arrivate ormai a percentuali inaccettabili, continueranno a causare morti premature se il livello istituzionale non sarà in grado di predisporre un servizio di trasporto pubblico collettivo, coerente con le esigenze di mobilità di pendolari (lavoratori e studenti), turisti e viaggiatori occasionali”.

Aggiunge Pellecchia: “Per ottenere questo risultato c’è bisogno di un parco di automezzi di nuova generazione, di finanziamenti pubblici certi e di una quantità di personale idonea a garantire tutte le tratte e le fasce orarie necessarie”.

Il Segretario generale evidenzia anche il tema delle aggressioni ai lavoratori: “Si continuano a registrare gravi episodi di aggressioni agli operatori della mobilità. Da tempo stiamo chiedendo azioni di contrasto, come ad esempio maggiori controlli e pene più severe agli aggressori”.

“Confidiamo - conclude Pellecchia - in un rapido avvio del confronto con il Ministero, anche perché vorremmo evitare anche nel tpl di arrivare ad azioni di lotta come quelle previste per il trasporto aereo il 21 maggio e il 23 per i porti”.

TN


16 Maggio 2019
Powered by Adon