Per il segretario generale dell’Unsa è necessario che il miliardo di euro, risparmiato per il reddito di cittadinanza, venga messo a disposizione della giustizia Battaglia(Unsa-Confsal): comparto delle giustizia a corto di personale

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3
45 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 2829 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

PUBBLICO IMPIEGO

Battaglia(Unsa-Confsal): comparto delle giustizia a corto di personale


«Da Nord a Sud migliaia e migliaia di sentenze di condanna non eseguite per mancanza di personale, cui si aggiungono istituti penitenziari per adulti e per minori che scoppiano, e questo governo litiga ogni giorno invece di trovare soluzioni» afferma Massimo Battaglia, segretario generale della federazione Confsal-UNSA.

«Chiedo che il miliardo di euro risparmiato per il reddito di cittadinanza venga immediatamente messo a disposizione per la giustizia italiana. Il 22 maggio l’UNSA effettuerà un sit-in di protesta a Torino (Palazzo di Giustizia) per rivendicare assunzioni e risorse e per evitare altri casi gravissimi, come quello dei Murazzi a Torino, dove il giovane Stefano Leo è stato barbaramente ucciso da un condannato ancora in libertà».

Battaglia conclude: «Il personale è stanco. Se non ci saranno risposte a breve, Confsal-UNSA, prima O.S. del Dicastero, farà seguire altre iniziative di rilevanza mediatica, fino ad arrivare allo sciopero e a paralizzare i palazzi di giustizia del paese».

TN


20 Maggio 2019
Powered by Adon