Per la segretaria generale della Cisl la relazione del presidente degli industriali contiene una visione apprezzabile per dare slancio al paese Furlan (Cisl): da Boccia positiva la valorizzazione delle parti sociali

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
234567 8
91011121314 15
161718192021 22
23 24 25 26 27 28 29
30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

CONFINDUSTRIA

Furlan (Cisl): da Boccia positiva la valorizzazione delle parti sociali


Correlati

"È positivo che il Presidente di Confindustria Boccia abbia sottolineato oggi nella sua relazione l'importanza del ruolo centrale delle parti sociali nel nostro paese ed i risultati del buon lavoro unitario fatto in questi mesi da Confindustria insieme a Cgil, Cisl, Uil, un percorso che ha contribuito a difendere migliaia di posti di lavoro ed a rilanciare un modello industriale di sviluppo fondato su qualità, produttività e partecipazione dei lavoratori". Lo sottolinea la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan.

"La relazione del presidente Boccia contiene una visione ed un posizionamento apprezzabili per dare slancio al futuro del paese e ad una Europa coesa, in cui la crescita economica e sociale non siano sacrificate alla stabilità come abbiamo sostenuto nel manifesto per l’Europa che abbiamo sottoscritto insieme a Confindustria. Così come è significativo ed importante che il presidente Boccia oggi abbia sostenuto la necessità di ridurre il cuneo fiscale per rafforzare le buste paga dei lavoratori in modo da risollevare i consumi interni e sostenere la crescita del paese. Rimane da parte della Cisl il giudizio critico sull'azione del Governo sui provvedimenti messi in campo per sbloccare la crescita ed i cantieri delle opere pubbliche, misure che appaiono del tutto insufficienti e dense di punti contraddittori. Così come restiamo fortemente contrari ad un provvedimento legislativo del Governo sia sul salario minimo, sia sulla misurazione per legge della rappresentanza e rappresentatività di sindacati ed imprese. Il Governo farebbe bene invece a rendere attuative le intese che i sindacati confederali e le associazioni di impresa, a partire da Confindustria, hanno sottoscritto nei mesi scorsi sulla misurazione della rappresentanza, in modo da contrastare i tanti contratti pirati ed il dumping salariale presente nel nostro paese".

TN


22 Maggio 2019
Powered by Adon