Visentini, già dirigente della Uil, guiderà ancora il sindacato europeo per i prossimi quattro anni. Grande soddisfazione del segretario generale della Uil Barbagallo Luca Visentini confermato alla guida del sindacato europeo

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3
45 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 2829 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

SINDACATO

Luca Visentini confermato alla guida del sindacato europeo


Luca Visentini, già dirigente della Uil, è stato confermato alla guida del Sindacato europeo. Gli oltre 600 delegati provenienti da tutti i Paesi aderenti alla Ces lo hanno eletto Segretario generale per i prossimi 4 anni. Grande la soddisfazione della Uil che, insieme agli altri Sindacati, ha avuto un ruolo fondamentale nel percorso che ha determinato questo risultato. “È una vittoria di cui siamo orgogliosi - ha dichiarato il Segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, presente a Vienna con la delegazione della sua Organizzazione - che dà una prospettiva al ruolo della Ces, chiamata a rivendicare nei confronti delle Istituzioni europee regole diverse e politiche di sviluppo. Le logiche dell’austerità hanno affossato l’Europa e, in particolare, il nostro Paese e hanno contribuito a determinare un diffuso clima di antieuropeismo. Abbiamo bisogno di coesione e convergenza sociale per uscire dalla crisi, combattere il dumping tra paesi europei e per generare progresso e crescita economica.

“Ecco perché - ha proseguito Barbagallo - la Uil condivide pienamente il Manifesto della Ces per “un’Europa più giusta per i lavoratori” e sosterrà l’azione di Visentini e della sua Segreteria, ai quali vanno gli auguri di buon lavoro di tutta la nostra Organizzazione. Non possiamo più pensare - ha sottolineato il leader della Uil - di contrastare le politiche liberiste, che hanno determinato una riduzione dei diritti, delle tutele e dei salari, restando chiusi nella nostra ‘provincia’ italiana: bisogna alzare il livello delle rivendicazioni per arrivare lì dove, oggi, si assumono le decisioni che ricadono sui nostri lavoratori e sui nostri pensionati. È giunto il tempo di agire come una sorta di “internazionale sindacale”: le nostre battaglie devono essere sempre più europee - ha concluso Barbagallo - e sempre più la Ces deve diventare un punto di riferimento, insieme a cui lavorare per l’Europa del futuro”.

TN


24 Maggio 2019
Powered by Adon