Per il presidente Confcooperative Lavoro e Servizi è giusto velocizzare, ma non bisogna ritornare al massimo ribasso Stronati (Confcooperative), il Pil riparte solo le si sbloccano i cantieri e le grandi opere

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 234567
891011 1213 14
1516171819 2021
222324252627 28
2930

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

INFRASTRTTURE

Stronati (Confcooperative), il Pil riparte solo le si sbloccano i cantieri e le grandi opere


«Il PIL riparte solo se vengono sbloccati i cantieri e le grandi gare di servizi e facility management». Lo dice Massimo Stronati presidente di Confcooperative Lavoro e Servizi a margine del convegno su Innovazione e Lavoro in corso a Roma. Stronati chiede, inoltre, al governo di «garantire la certezza sui tempi di programmazione, di svolgimento e di conclusione delle procedure di aggiudicazione dei contratti».

«Gli acquisti pubblici potrebbero rappresentare una grande leva di sviluppo per il nostro Paese. Si tratta – aggiunge Stronati - di una fetta importante di risorse economiche che se fossero investite in maniera razionale potrebbero creare lavoro e nello stesso tempo servizi e infrastrutture più efficienti e moderne».

«Velocizzare e semplificare è certamente necessario, ma su alcuni punti non si può tornare indietro. Va respinto ogni ritorno al massimo ribasso. Così come occorre uscire dalla logica emergenziale: serve un quadro normativo chiaro e un maggiore confronto tra le offerte. Servono – conclude Stronati – competenze e qualità, solo così la pubblica amministrazione potrà scegliere le offerte migliori se vuole garantire opere e servizi adeguati ai cittadini».

TN


06 Giugno 2019
Powered by Adon