Lo rivela l’Inail nella Relazione sul 2018. All’89% delle aziende controllate sono state riscontrate delle irregolarità Inail, nel 2018 più infortuni mortali sono cresciuti del 4%

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345
67891011 12
13141516171819
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

LAVORO

Inail, nel 2018 più infortuni mortali sono cresciuti del 4%


Correlati

Crescono gli infortuni mortali sul lavoro. Nel 2018 sono stati 704 quelli accertati con un aumento del 4% sul 2017. Di questi 421, pari al 60%, sono stati fuori dall'azienda. Lo rileva l'Inail nella Relazione sul 2018 evidenziando come siano cresciute del 6% rispetto all'anno precedente anche le denunce di infortunio mortale pari a 1.218.

Anche nel primo quadrimestre del 2019, ha spiegato il presidente Massimo De Felice, si è avuto un aumento del 5,9% nel numero degli infortuni mortali denunciati rispetto allo stesso periodo del 2018. Tuttavia l'aumento "non denota una tendenza stabile. Il confronto sul primo trimestre segnava una stazionarietà".

Sempre nel 2018 sono stare registrate poco più di 645mila denunce di infortuni con una lieve diminuzione rispetto al 2017 (-0,3%) che dovrebbe risultare più accentuata se non si considerassero per omogeneità le comunicazioni obbligatorie, il cui obbligo è intervenuto nel mese di ottobre 2017.

Le denunce di malattie sono state circa 59.500 il 2,6% in più rispetto al 2017. Ne è stata riconosciuta la causa professionale al 37%. Le denunce riguardano le malattie e non i soggetti ammalati, che sono 43mila, di cui quasi il 40% per causa professionale riconosciuta. Sono stati 1.400 i lavoratori con malattia legata all'amianto.

I lavoratori deceduti nel 2018 con riconoscimento di malattia professionale sono stati 1.177 (il 16,4% in meno rispetto al 2017) di cui 257 per amianto e il 74% con età al decesso maggiore di 79 anni.

"I numeri tristi su infortuni e malattie negli ambienti di lavoro - ha evidenziato il presidente - continuano a sollecitare il rispetto scrupoloso delle regole e delle norme da parte di lavoratori e datori di lavoro. Piani di prevednzione e di controllo, modalità e volontà attuative più efficaci, che possano sfruttare appieno l'innovazione delle tecnologie".

Sono state 15.828 le aziende controllate dall'Inail nel 2018 (il 5% in meno rispetto al 2017 e il 24% in meno rispetto al 2016). Di queste l'89,35% è risultato irregolare. L'istituto ha accertato retribuzioni imponibili evase per 3 miliardi e mezzo di euro e richiesto premi per 76 milioni. Sono stati regolarizzati 41.674 lavoratori di cui 3.336 in nero.

Il presidente, Massimo De Felice, ha evidenziato come, l'Inail mantiene per ora il suo "corpo ispettivo progressivamente depauperato nel ruolo a esaurimento". Nel quadro di una integrazione con le altre istituzioni preposte ai controlli, Ispettorato, Inps e Ministero del lavoro, "è urgente decidere se si vuole realizzare un'integrazione effettiva e rapida di forze e modalità d'azione. I numeri di infortuni e malattie non consentono di rimanere oscillanti tra il com'era , la vigilanza e il controllo, e il come potrebbe essere. Se si vuole fare integrazione sarà necessario trovare modalità efficaci per trasferire all'Ispettorato Nazionale competenze e strumentazioni".

TN


26 Giugno 2019
Powered by Adon