Insopportabile il braccio di ferro che sacrifica vite umane alle logiche elettorali. Così si legge in una nota del sindacato Sea Watch, Cgil, vicini al comandante e ai 42 migranti a bordo

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
12345 6
7 8910111213
141516171819 20
21 22 2324 2526 27
28 29 30 31

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

IMMIGRAZIONE

Sea Watch, Cgil, vicini al comandante e ai 42 migranti a bordo


Correlati

“La Cgil è con la Sea Watch, con il suo comandante Carola Rackete e con i 42 migranti a bordo che stremati e bisognosi di assistenza, dopo quattordici giorni di navigazione, cercano in Italia, a Lampedusa, un porto sicuro”. È quanto si legge in una nota della Confederazione.

 “Siamo con loro perché - prosegue la nota - è insopportabile questo braccio di ferro che sacrifica vite alle logiche elettorali, politiche, economiche e finanziarie. Siamo con loro perché il divieto di assicurare la salvezza è frutto di una legge sbagliata, disumana e senza scrupoli. Riteniamo che l’obbligo di salvare vite debba valere sempre e comunque per tutti”. “Per questo crediamo - conclude la Cgil - che non sia il momento di restare in silenzio, anzi di agire per una resistenza attiva contro una deriva razzista alla quale non vogliamo abbandonarci”.

TN


26 Giugno 2019
Powered by Adon