Lo dichiarano i sindacati dopo l’incontro presso l’unione industriali di Caserta sulla procedura di licenziamento collettivo Fim, Fiom, Uilm, sospendere i 350 licenziamenti dello stabilimento Jabil di Marcianise

Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1 234567
891011 1213 14
1516171819 2021
222324252627 28
2930

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

COMPONENTISTICA ELETTRONICA

Fim, Fiom, Uilm, sospendere i 350 licenziamenti dello stabilimento Jabil di Marcianise


Correlati

Si è tenuto oggi, presso l'unione industriali di Caserta, il primo incontro riguardo la procedura di licenziamento collettivo per 350 lavoratori avviata dalla multinazionale americana Jabil per lo stabilimento di Marcianise, che oggi conta 707 dipendenti.

Un avvio formale del confronto, seguito dalle lavoratrici e dai lavoratori dello stabilimento campano, che per tutto l'incontro hanno presidiato la sede di via Roma.

"Oggi abbiamo rafforzato e precisato le considerazioni fatte la scorsa settimana al ministero dello Sviluppo economico. Per quanto ci riguarda l'atto unilaterale della Jabil è molto grave. Per dare l'avvio ad un confronto costruttivo devono essere ripristinate alcune condizioni: rispettare gli accordi in essere e ritirare la procedura di licenziamento." Lo dichiarano in una nota congiunta di Michele Paliani, Fabio Palmieri e Mauro Masci, per Fim, Fiom e Uilm nazionali

"Solo in questo modo, togliendo il ricatto del conto alla rovescia, sarà possibile avviare una trattativa utile a individuare una soluzione condivisa. La credibilità del tavolo è una condizione necessaria per lavorare serenamente."

"Le lavoratrici e i lavoratori della Jabil hanno già fatto tanti sacrifici, la loro dignità non può essere messa in discussione da atteggiamenti gravi e intimidatori. È necessario trovare una soluzione alternativa ai licenziamenti che salvaguardi l'occupazione dello stabilimento ma anche la tenuta di un intero territorio in sofferenza."

Le organizzazioni sindacali si attiveranno, con tutte le iniziative necessarie, per continuare il confronto in sede ministeriale alla presenza del ministro.

TN


01 Luglio 2019
Powered by Adon